Concorso per 300 posti nei Vigili del Fuoco: tutte le info utili

300 posti in arrivo nel corpo dei Vigili del Fuoco per i diplomati italiani. Ecco come funziona e cosa sapere

300 posti in arrivo nel corpo dei Vigili del Fuoco per i diplomati italiani. Il 25 febbraio scorso è stato pubblicato il bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per 300 posti nella qualifica di vigile del fuoco del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere stata già compilata, utilizzando la procedura informatica disponibile all’indirizzo concorsionline.vigilfuoco.it, seguendo le istruzioni specificate, entro il 28 marzo. Tutti coloro che quindi non si erano preventivamente iscritti non potranno più partecipare al concorso.

La prova d’esame si svolgerà dall’8 al 14 giugno online, da remoto. Nella pagina personale di ciascun candidato, sul “Portale dei concorsi”, è pubblicata la data e l’ora di svolgimento della prova preselettiva.

Requisiti

Per l’ammissione al concorso sono richiesti questi requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti politici;
  • età non superiore a 26 anni. Il limite di età è fissato in 37 per il personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, iscritto da almeno un anno negli appositi elenchi, in possesso degli altri requisiti previsti dal presente bando;
  • possesso dei requisiti psico-fisici ed attitudinali
  • possesso del diploma di istruzione secondaria di secondo grado;
  • possesso delle qualità morali e di condotta.

Chi è escluso

Non sono ammessi al concorso coloro che:

  • siano stati espulsi dalle forze armate e dai corpi militarmente organizzati
  • che abbiano riportato sentenza irrevocabile di condanna per delitto non colposo
  • siano stati sottoposti a misura di prevenzione
  • coloro che siano stati destituiti da pubblici uffici o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento
  • siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale.

Nelle more della verifica del possesso dei requisiti, tutti gli aspiranti sono ammessi con riserva alle prove concorsuali.
L’Amministrazione può disporre in ogni momento, con motivato provvedimento, l’esclusione dal concorso per difetto dei requisiti prescritti, o per la mancata osservanza dei termini perentori stabiliti nel bando.

Come viene calcolato il punteggio

La prova preselettiva ha una durata di 40 minuti e consiste nella soluzione di 40 quesiti a risposta multipla con 3 opzioni di risposta.

A ciascuna risposta è attribuito il seguente punteggio:

  • risposta esatta: +1 punto;
  • mancata risposta: 0 punti;
  • risposta errata: -0,33 punti.

Nella Gazzetta Ufficiale – 4^ Serie Speciale Concorsi ed Esami del 31 maggio 2022, nonché sul sito vigilfuoco.it, sarà pubblicata la conferma del diario della prova oltre ad ulteriori eventuali comunicazioni. La pubblicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti e nei confronti di tutti i candidati.

Come sono divisi i posti

I posti sono così divisi:

  • il 45% dei posti è riservato ai volontari in ferma prefissata delle forze armate;
  • il 35% dei posti è riservato al personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, sia stato iscritto negli appositi elenchi da almeno 3 anni e abbia effettuato non meno di 120 giorni di servizio.

I posti riservati, non coperti, sono conferiti, secondo l’ordine della graduatoria, agli altri candidati idonei.

Come si svolge l’esame

Per lo svolgimento dell’esame, il candidato potrà collegarsi sia da pc sia da telefono digitando il proprio codice fiscale, così come riportato nella domanda di partecipazione al concorso.

I candidati convocati dovranno essere collegati per l’appello all’indirizzo internet vigilfuoco.selezionidigitali.it. In caso di mancata connessione imputabile esclusivamente a problemi tecnici, dovranno segnalare il problema all’indirizzo email assistenza@vigilfuoco.selezionidigitali.it.

La configurazione non corretta della postazione di lavoro e/o la perdita di connessione durante lo svolgimento della prova, in assenza di eventi eccezionali non imputabili al candidato e/o debitamente documentabili, comporterà l’esclusione dalla prova preselettiva.

Attenzione: per il corretto funzionamento è necessario utilizzare sempre Google Chrome per accedere con dispositivi mobili Android e Safari per accedere con dispostivi mobili iPhone.