Tasse a rate per le pensioni minime

Il beneficio interessa i redditi fino a 18mila euro. Pagamento a tranche anche per il canone Rai

La manovra correttiva da una mano ai titolari delle pensioni minime. Per questi soggetti sono previsti conguagli a rate e anche il canone Rai potrà essere trattenuto in un numero massimo di 11 rate, senza interessi.
Inoltre sono state disposte nuove proroghe dei versamenti fiscali e previdenziali per i contribuenti colpiti dal terremoto del 6 aprile 2009 e la ripresa delle riscossione dal gennaio 2011.

La possibilità di conguaglio è subordinata a determinate condizioni: l’importo di tali conguagli sia superiore ai 100 euro e siano riferiti a redditi di pensione non superiori a 18 mila euro. Sussistendo entrambe le condizioni, gli importi a conguaglio potranno essere prelevate dalla pensione a partire dal mese successivo a quello in cui il conguaglio stesso è stato effettuato fino a un numero massimo di 11 rate e senza applicazione di interessi.
I sostituti d’imposta procederanno alla rateizzazione automaticamente senza che sia necessaria alcuna autorizzazione da parte del pensionato.

Il decreto correttivo introduce inoltre a favore dei contribuenti titolari di un reddito di pensione non superiore ai 18.000 euro annui la possibilità di rateizzare, sempre in un massimo di undici rate e senza interessi, l’importo dovuto annualmente a titolo di canone di abbonamento Rai. In questo caso, però, è necessaria la richiesta del contribuente entro il 15 novembre.

Tasse a rate per le pensioni minime