Tassa sulla fortuna, il fisco mette le mani sul Gratta e vinci

In arrivo un prelievo del 6% per le vincite sopra i 500 euro

Vincite nell’obiettivo dell’erario. Chi riuscirà a centrare il fatidico sei al Superenalotto o con il gratta e vinci avrà la fortuna di guadagnare più di 500 euro dovrà pagare una tassa del 6%. La nuova imposta si applicherà anche per le vincite delle video lotterie.

La tassa sulla fortuna è prevista in uno dei provvedimenti attuativi della manovra di ferragosto. L’intervento sul mercato dei giochi ha l’obiettivo di recuperare circa 1,5 miliardi di euro. Somma che contribuirà all’agognato pareggio di bilancio, previsto per il 2013. Di questi, un miliardo arriverà dai giochi mentre il resto dalla vendita dei tabacchi.
Ma non è tutto. Gli amanti dell’azzardo non dovranno tenere conto solo della tassa sulla fortuna. Infatti a partire dal 2013 vedranno ridursi la percentuale di vincite a loro destinato. Per esempio la quota destinata alle slot scenderà dal 75 al 74%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tassa sulla fortuna, il fisco mette le mani sul Gratta e vinci