Spesometro in tilt. Professionisti attendono nuova proroga più “congrua”

(Teleborsa) – Il buongiorno si vede dal mattino: lo Spesometro è di nuovo in tilt dopo le sospensioni del servizio registrate nei giorni scorsi e la ripresa a singhiozzo del sistema gestito dalla Sogei. Frattanto, i professionisti (CAF e commercialisti) continuano a chiedere a gran voce una proroga della scadenza del 5 ottobre per per l’invio dei dati di fatture emesse e ricevute dalle imprese.

In particolare le categorie interessate continuano a chiedere una proroga più ampia di quella riconosciuta sinora, almeno fino a quando il sistema non sarà completamente funzionante. Una risposta a queste richieste è giunta dal viceministro dell’Economia, Luigi Casero, che ha definito “grave” il blocco del sistema rilevato nei giorni scorsi e promesso che dal momento in cui il sistema tornerà a funzionare correttamente sarà concesso un congruo numero di giorni per l’invio dei dati. 

“E’ impensabile che il caos del nuovo Spesometro si risolva semplicemente concedendo 7 giorni (5 giorni lavorativi) in più per l’adempimento, così come non è credibile da parte dell’Amministrazione Finanziaria il tentativo di minimizzare la portata dei problemi che hanno determinato la sospensione del servizio della piattaforma web Fatture e Corrispettivi”., affermano congiuntamento le varie associazioni di commercialisti, aggiungendo che “l’aspetto più grave è che la vulnerabilità del sistema sul fronte della privacy non è stata risolta”.  

“Se per l’anomalia riguardante la ricerca per ID delle ricevute di trasmissione, la situazione è rimasta immutata, per quanto riguarda il problema del codice fiscale, è stato inserito un alert che informa l’utente sul rispetto della normativa sulla privacy e sulle responsabilità connesse agli eventuali abusi che possono essere rilevati”, sottolineano i professionisti, affermando che “dal messaggio di avviso è legittimo supporre che la possibilità di accessi indebiti non sia stata tecnicamente bloccata”.

Ma cosa è lo Spesometro?

E’ uno strumento, istituito nel 2010 per l’accertamento fiscale e per il contrasto all’evasione, che obbliga i titolari di partite IVA (imprese e professionisti) a comunicare tutte le fatture emesse e ricevute. Se inizialmente era previsto solo oltre date soglie (3.600 euro con emissione di scontrino o ricevuta e 3.000 euro con emissione di fattura), in seguito è stato progressivamente esteso il suo campo di applicazione.

La Legge di Bilancio 2017, in particolare, ha disposto a partire dal 2018 l’invio trimestrale di tutte le fatture in forma analitica, indicando i dati dei soggetti intestatari della fattura, il numero e la data della stessa, la base imponibile, l’aliquota IVA applicata e il tipo di operazione rilevante ai fini IVA.

Per quest’anno di transizione (2017) erano previste due scadenze semestrali il 25 luglio 2017 ed il 28 febbraio 2018, ma la prima scadenza è stata rinviata più volte per problemi tecnici.

Spesometro in tilt. Professionisti attendono nuova proroga più “congrua”
Spesometro in tilt. Professionisti attendono nuova proroga più “...