Risparmi, aumenta l’imposta di bollo per depositi bancari e postali e dossier titoli

L'aliquota passa dallo 0,1 allo 0,15% e sparisce il tetto massimo di tassazione di 1.200 euro per tutte le forme di risparmio con la sola eccezione dei conti correnti

Non è una novità inattesa ma quando arriva fa male lo stesso. L’aumento dell’imposta di bollo sui risparmi a partire dal 1° gennaio 2013 era già prevista da più di un anno, dalla manovra salva-Italia di fine 2011, per l’esattezza. L’imposta – che sale dallo 0,1 allo 0,15% sulle giacenze medie – si aggiunge a una lunga serie di nuovi tributi e soprattutto colpisce a tappeto tutto quelli che hanno qualche risparmio conservato in buoni postali, in un conto deposito o un dossier titoli.

L’imposta del bollo sui risparmi, che qualcuno ha definito una "mini-patrimoniale", è in vigore dal 2012, ma da quest’anno scatta va a regime con le aliquote aumentate (del 50%) e senza tetti massimi. Restano esenti soltanto i conti con giacenze medie inferiori ai 5.000 euro. L’aumento non riguarad i conti correnti, che non rientrano tra gli "strumenti finanziari", per i quali resta l’imposta fissa a 30,20 euro all’anno.

Gli aumenti 2013

Ecco cosa cambia a partire da gennaio per le diverse forma di risparmio:
 

  2012 2013
 Conti correnti bancari e postali:    
 – con giacenza media inferiore a € 5.000 esenti esenti
 – con giacenza media superiore a € 5.000 € 34,20  € 34,20
 – intestati a persona giuridica  € 100  € 100
 Conti deposito (*)
 Polizze vita
 Certificati di deposito
 Dossier titoli
(sul valore di mercato al momento del prelievo)

 0,1%
min: € 34,02
max: € 1.200

0,15%
min: € 34,02
nessun tetto max
 Buoni postali
 
(esenti se complessivamente inferiori a € 5.000)
0,1%
min: € 34,02
max: € 1.200
0,15%
min: € 34,02
nessun tetto max

(*) I conti deposito inizialmente tassati come i conti corrente, sono stati assimilati agli strumenti finanziari dal decreto semplificazione dell’anno scorso.

L’imposta di bollo si calcola sulla somma del valore di tutti i prodotti intestati a uno stesso cliente presso il medesimo istituto (banca o compagnia assicurativa).

Una precisazione importante: stiamo parlando dell’imposta del bollo sulle "comunicazioni periodiche" (gli estratti conto o simili) che si applica sul capitale e non va confusa con la tassazione degli interessi che ora è al 20% per tutti queste forme di risparmio con l’eccezione dei buoni postali e dei titoli di Stato che restano tassati al 12,5%.

Il bollo si paga in un’unica soluzione se c’è un solo invio annuale oppure suddiviso per il numero di comunicazioni effettuate nell’arco dell’anno. (A.D.M.)

Risparmi, aumenta l’imposta di bollo per depositi bancari e post...