Riforma fiscale, via le agevolazioni per abbassare le tasse

Via deduzioni e detrazioni per trovare le risorse e abbassare le aliquote

E’ imminente il via al confronto con le parti sociali e forse anche con le opposizioni. Convocato dal ministero dell’Economia, ha come oggetto i tagli alla spesa e la riforma fiscale.
L’obiettivo finale è quello della riduzione delle aliquote Irpef, impresa non semplice, anche perché servono risorse, tante risorse.

Il principio guida dell’esecutivo è quello si azzerare detrazioni, deduzioni e agevolazioni fiscali per lasciare i soldi in tasca ai contribuenti.
Solo per l’Irpef ci sono 91 tra detrazioni e deduzioni che da sole valgono 91 miliardi di euro. Sono di ogni tipo, come quelle previste per le donazioni ai partiti politici: sconti fiscali che spesso sono superiori a quelle previste per la cura dei figli.

E poi ci sono 19 varianti per alleggerire le tasse sulla casa, 22 per scaricare quelle della famiglia. Ci sono gli sconti per i pensionati, per i lavoratori, gli sconti sulle spese mediche, i contributi su previdenza e acquisti al consumo.
La rivoluzione fiscale vorrebbe annullare tutto questo sistema, partendo da una considerazioni gli sconti funzionano per chi ha un reddito, per i più poveri il sistema delle detrazioni e deduzioni risulta molto meno efficace.
Il nuovo fisco dovrebbe separare lo Stato fiscale e lo Stato sociale. La parte di aiuto ai più poveri e agli incapienti sarà affidata solo all’Inps che potrà aiutare anche chi non riceve sconti dal amministrazione tributaria.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Riforma fiscale, via le agevolazioni per abbassare le tasse