Panama Papers, l’Espresso rivela altri 80 nomi di italiani

Nella lista pubblicata dall'Espresso c'è anche il figlio di Carlo De Benedetti e presidente Cir, la holding che controlla lo stesso gruppo editoriale

Sono 80 i nomi dell’ultimo elenco di italiani coinvolti nei Panama Papers, pubblicati dall’Espresso, che vanno ad aggiungersi ai 200 già rivelati nelle scorse settimane.

Tra questi spunta il nome di Rodolfo De Benedetti, figlio di Carlo e presidente di Cir, la holding che controlla l’editoriale L’Espresso. I giornalisti del settimanale, analizzando e incrociando i dati dell’archivio (composto da 11 milioni di file) hanno scovato anche una società delle Isole Vergini amministrata in passato da De Benedetti jr.

‘PAGO LE TASSE IN ITALIA’ – L’imprenditore ha dichiarato che la società McIntyre holding “è stata chiusa da molti anni” e che “si era occupata di investimenti finanziari nel continente americano gestendo antichi risparmi di famiglia e la posizione di questi ultimi fu regolarizzata con il fisco italiano nel 2003. Non sono mai stato azionista né beneficiario economico di McIntyre holding. Il mio nome compare in quanto consigliere di amministrazione. Infine, ritengo opportuno sottolineare che da sempre dichiaro tutti i miei redditi e pago le tasse in Italia”.

ALTRI NOMI – Tra i personaggi eccellenti, l’Espresso riporta i nomi di Domenico Bosatelli, 82enne patron del gruppo di impiantistica elettrica Gewiss di Bergamo, e di Silvio Garzelli, manager che in passato ha amministrato numerose attività internazionali del gruppo Ferrero “che però risulta estraneo alle offshore, così come l’omonima famiglia”. Bosatelli, presidente e unico azionista di Gewiss, ha fatto sapere che “la Koster delle Isole Vergini britanniche è proprietaria unicamente di un immobile a Montecarlo”. Ma l’Espresso scrive che l’industriale bergamasco “risulta collegato anche alla Koster Lda dell’isola di Madeira (territorio a fiscalità privilegiata sotto sovranità portoghese), la Koster Im del principato di Monaco”.

L’elenco comprende poi l’immobiliarista Daniele Bodini, il costruttore napoletano Raffaele Raiola, noto “anche per aver rilevato una parte delle attività della Btp del fiorentino Riccardo Fusi, figura tra gli amministratori della Dishford delle Seychelles”.

 

Leggi anche:
Panama Papers, ecco i nomi degli altri italiani coinvolti
Effetto Panama Papers, il governo vuole dare un’altra chance agli evasori
Panama Papers, perché continuiamo a scoprire l’acqua calda
Panama Papers: tra gli italiani coinvolti spunta il nome della D’Urso

Prima vittima dei Panama Papers, si dimette premier islandese
Panama Papers, il fisco dà la caccia agli 800 italiani coinvolti
Cosa sono i Panama Papers e chi sono gli italiani coinvolti
Panama Papers, svelati conti offshore di vip e grandi del mondo
Scudo fiscale e lotta ai paradisi: i misteri di un fisco a doppio binario
I 62 più ricchi al mondo hanno la stessa ricchezza della metà del mondo più povera
La classifica 2016 di dei più ricchi del mondo

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Panama Papers, l’Espresso rivela altri 80 nomi di italiani