Local Tax e canone Rai in bolletta rinviati: Tasi e Imu invariate nel 2015

Il governo prende tempo sia sul canone tv in bolletta, sia sulla ridefinizione delle tasse sulla casa

Marcia indietro del governo su due fronti per quanto riguarda il 2015: l’esecutivo guidato da Matteo Renzi ha infatti "congelato" due riforme annunciate in tema fiscale, ossia l’unificazione delle tasse sulla casa in un’unica tassa denominata ‘Local Tax’ e l’inserimento del canone Rai nella bolletta elettrica.

Vedi anche:
Canone Rai, dietrofront del governo: se ne riparlerà nel 2016
Imu, Tasi, canone Rai: cosa cambia nella legge di Stabilità 2015
Casa e bonus fiscali: gli sconti del fisco per il ristrutturazioni e il risparmio energetico

NIENTE LOCAL TAX – La notizia è di martedì: il Governo ha abbandonato l’idea di scrivere il capitolo “Local Tax”, l’imposta sulla casa che doveva sostituire Tasi e Imu e presentarsi come un’unica imposta sul modello della vecchia Imu (con aliquota standard tra il 2 e il 2,5 per mille, ma con detrazioni fisse). Così l’esecutivo ha preferito prorogare anche per il 2015 la Tasi, imponendo però gli stessi limiti di aliquota massimi già previsti per il precedente anno (2,5 per mille che può salire al 3,3 se il Comune prevede detrazioni). In questo modo, salvo ulteriori pretese dei Comuni (a cui la manovra ha tagliato gran parte delle entrate statali) si dovrebbe evitare il rischio rincari. Tuttavia avremo ancora a che fare col groviglio di aliquote, scadenze, acconti e saldi, prelievi differenti a seconda del Comune, ma soprattutto non avremo le detrazioni promesse di 90 o 100 euro secondo le promesse che, negli scorsi mesi, il Governo aveva fatto.

STOP CANONE IN BOLLETTA – Frenata anche sull’ipotesi di inserire in canone Rai nella bolletta elettrica, idea contestata che avrebbe comunque il doppio obiettivo di stanare gli evasori e, conseguentemente, abbassare sensibilmente l’importo da pagare (se ne parlava qui) . E’ possibile che sia emanato un decreto ad hoc. Sul sito dell’azienda di Viale Mazzini si legge la conferma che per il 2015 tutto resterà com’è stato fino ad ora.
Tuttavia il progetto non è accantonato ma solo in ‘stand by’. Tornerà d’attualità nel 2016 e non passerà solo per l’introduzione del canone nella bolletta della luce, ma nel cambio generale nell’approccio alla tassa più evasa d’Italia.

Una riforma che proverà ad essere coerente con l’evoluzione tecnologica e i dati delle vendite, che raccontano sempre più di un calo di quelle dei televisori mentre aumentano quelle di tablet, smartphone e pc. Lo confermano i dati di Anitec, la sezione di Confindustria che si occupa di elettrodomestici: in Italia negli ultimi due anni sono stati venduti circa 2,6 milioni televisori in meno rispetto agli anni precedenti, con una perdita di 213 milioni di euro. Va da sé che a comprare le tv sono perlopiù famiglie mentre collegare il canone Rai alla bolletta della luce e ai dispositivi con connessione internet palesa la volontà di mettere un freno all’evasione fiscale delle aziende.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Local Tax e canone Rai in bolletta rinviati: Tasi e Imu invariate nel ...