Mondo TV chiude ogni contenzioso con Agenzia Entrate

(Teleborsa) – Mondo TV annuncia di aver chiuso ogni contenzioso aperto con l’Agenzia delle Entrate, con la sottoscrizione di un accordo-quadro per la definizione ed archiviazione parziale del processo verbale di costatazione redatto nel maggio 2019 nei confronti
della società.

L’accertamento si riferiva al 2014 e alle eventuali ulteriori annualità dal 2013 al 2019, nonché un atto di conciliazione relativo al procedimento avviato con ricorso della società avverso le contestazioni fiscali per l’anno 2012.

Il processo verbale fu emesso per un importo iniziale, in relazione all’anno 2014, di circa 1,1 milioni di euro oltre sanzioni e interessi, e quindi per un importo totale stimabile in 2,5 milioni di euro. Inoltre detto verbale conteneva una segnalazione agli uffici e alla società in relazione all’utilizzo del credito di imposta in altri esercizi che quindi avrebbero potuto essere oggetto di ulteriori verifiche. Sulla scorta del suddetto verbale, l’Agenzia delle Entrate aveva quindi inviato alla Società anche un avviso di recupero relativamente alla annualità 2012 per un importo pari a 2,328 milioni di euro oltre a sanzioni ed interessi, e quindi per un importo totale stimabile in euro 5,3 milioni avverso il quale la Società aveva presentato ricorso.

Nel corso del dialogo con l’Agenzia delle Entrate, la società ha potuto far valere le proprie ragioni che sono state in buona parte accolte dall’Agenzia., oltre alla buona fede degli Amministratori. In tal modo si è evitata tra l’altro la formalizzazione delle contestazioni per le ulteriori annualità che avrebbero avuto le stesse motivazioni delle contestazioni mosse per il 2012 e il 2014, relative alle compensazioni effettuate mediante il credito di imposta generato dalla “conversione” di imposte differite attive (DTA).

In particolare per l’anno 2012, l’atto conciliativo prevede il pagamento di un importo di 0,5 milioni contro i 5,3 milioni richiesti, mentre l’accordo quadro prevede il pagamento per il solo 2014 di un importo pari a 0,2 milioni contro circa 2,5 milioni contestati. L’accordo-quadro prevede inoltre per le ulteriori annualità (2013, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019) il pagamento di una somma complessiva di 2,1 milioni. Gli importi dovuti in base ai citati accordi per un totale di 2,8 milioni saranno pagati dalla società in più
tranche nei prossimi quattro anni.

“Sebbene la Società ritenga ancora che le contestazioni fossero infondate – sottolinea una nota – si è ritenuto conveniente evitare un lungo e dispendioso contenzioso il cui esito per sua natura sarebbe rimasto comunque incerto per diversi anni: l’accordo raggiunto appare un ottimo accordo se si tiene conto del fatto che il suo impatto a livello economico, per effetto del recupero di parte dell’importo sotto forma di maggiori ammortamenti fiscali negli anni successivi, ammonta in base ai primi riscontri a circa Euro 1 milione, a
fronte di un rischio di soccombenza di Euro 7,8 milioni per le sole annualità 2012 e 2014 ma con un rischio teorico di ulteriori contestazioni per gli anni successivi per un importo che si sarebbe potuto attestare a circa 23 milioni di euro”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mondo TV chiude ogni contenzioso con Agenzia Entrate