Lotta all’evasione fiscale: più scontrini telematici, meno blitz

Il ministro dell'Economia Pierlarlo Padoan delinea la nuova lotta all'evasione

“Bisogna reprimere ogni forma di evasione” e al tempo stesso “serve un nuovo approccio, non singoli interventi”: così il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan intervenendo alla cerimonia di chiusura dell’anno accademico della scuola di polizia tributaria della guardia di finanza.

UN NUOVO APPROCCIO – Un nuovo approccio che, secondo il piano di lotta all’evasione fiscale che il Governo presenterà il 30 giugno, non contempla clamorosi blitz della Finanza ma un ricorso sistematico e capillare alle nuove tecnologie per rendere tracciabili tutti i pagamenti (scontrini telematici, fatturazione elettronica) e immediatamente disponibili al controllo dell’Agenzia delle Entrate. Un primo passo verso quell’idea di fisco all’americana già ventilata dal ministro stesso. Dal prossimo anno, poi, debutterà un modello 730 di dichiarazione dei redditi precompilato e spedito a domicilio.

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA – Commercianti, grossisti e produttori saranno obbligati alla fatturazione elettronica delle proprie transazioni. Obbligatorio anche il Pos (il dispositivo che consente il pagamento tramite carta di credito e bancomat) per la grande distribuzione.

SCONTRINO TELEMATICO – Gli scontrini saranno trasmessi per via telematica all’Agenzia delle Entrate che ne potrà riscontrare in tempo reale la congruità con il fatturato attraverso l’incrocio dei dati.

LOTTERIA SALVA-SCONTRINO – Il Fisco sta studiando una lotteria per chi conserva lo scontrino fiscale. L’obiettivo è incentivare i contribuenti a chiedere la dimostrazione del pagamento.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lotta all’evasione fiscale: più scontrini telematici, meno blit...