Stabilità: pensioni rinviate al 10 del mese, ma non per tutti. Ecco per chi

Il testo è giunto sul Colle, ma manca ancora il via libera della Ragioneria di Stato

Non bastassero i dubbi di Bruxelles e della Ragioneria di Stato, che ancora non ha dato il suo via libera al testo giunto sul tavolo del presidente della Repubblica, la legge di Stabilità desta parecchie perplessità anche fra le associazioni dei consumatori, che denunciano la possibilità di un aumento retroattivo delle tasse ed un "regalo" a banche e Inps tramite lo spostamento in avanti di 10 giorni del riconoscimento delle pensioni. Per quest’ultimo punto, però, come si legge in fondo all’articolo, l’Inps ha voluto precisare che si tratta solo di una parte di pensionati e non della totalità.

Vedi anche:
Soldi in busta e tagli ai servizi: i pro e i contro della legge di Stabilità
Il Tfr va in busta paga, ma con batosta fiscale dietro l’angolo
Tfr, come funziona l’anticipo in busta paga. Da 40 a 82 euro in più
Troika e prelievo forzoso fanno paura. In fuga dall’Italia 67 miliardi
VIDEO: la manovra della discordia. Non c’è il testo

CONSUMATORI: "STANGATA DA 600 EURO A FAMIGLIA" – Altro che manovra espansiva, accusano Adusbef e Federconsumatori. "La legge di stabilità da 36 miliardi, spacciata dal Governo Renzi come l’ennesima manna caduta dal cielo per giovani, famiglie e pensionati, che promette taglio a tasse e spesa e risparmi per 15 miliardi (6 da Regioni ed Enti locali, 2 miliardi dalla Sanità), il recupero di 3,8 miliardi dall’evasione fiscale, oltre ad infliggere l’ennesimo colpo allo Stato Sociale, nasconde l’ennesima stangata e numerose insidie su consumatori e pensionati che potrebbe essere stimata in 606 euro per ogni famiglia" – si legge nel comunicato congiunto delle due associazioni. Più si studia la manovra e più escono insidie, stangate e stangatine: dal 1.1.2015 la quota di utili non soggetta ad imposta degli enti non commerciali si ridurrà dal 95 al 22,26%; la non tassazione dei capitali percepiti dai beneficiari della polizza vita in caso di morte dell’assicurato, sarà sostituita da un regime imponibile; raddoppiata dal 4 all’8% l’aliquota delle ritenute fiscali sui bonifici per le ristrutturazioni; aumenterà dal 13 al 17% la tassa sulle vincite per le slot e dal 5 al 9% sulle Videolottery; l’imposta sostitutiva sui risultati netti dei fondi pensione passerà dall’11 al 17% sulla rivalutazione del Tfr, mentre per quanto riguarda la previdenza dei professionisti, la stessa imposta sugli utili netti sarà incrementata dal 20 al 26%.

PENSIONI DIFFERITE – Tra una stretta su fondazioni e fondi pensione, sgravi per partite Iva e figli, uno stop all’Irap sul lavoro e zero contributi nei primi tre anni per le imprese che assumono, il Tfr (volontario) in busta paga anticipato dalle banche al tasso del 2,6%, la sgradita sorpresa su milioni di famiglie (che vivono a mala pena con la stentata quiescenza), che vedranno slittare l’accredito delle pensioni di 10 giorni.
"Spostare di 10 giorni l’accredito della pensione al 10 del mese – si legge sempre nel comunicato -, è una cattiveria di Matteo Renzi per milioni di famiglie, che vivendo solo di pensione con figli e nipoti disoccupati, fungono da ammortizzatori sociali per le rate dei mutui, le bollette ed altre scadenze tarate per ogni fine mese, che dovranno così cadere nelle fauci dei banchieri pagando alle banche la ‘tassa sul rosso’,la Civ (Commissione di istruttoria veloce) dovuta se si esce dal fido, o si va in rosso senza avere un fido, pagata quando si sconfina oltre i 500 euro, oppure quando è d’importo minore, della durata di 7 sette giorni, che per le famiglie superano i 50 euro, ed il 10% seco aggiuntivo di interessi (85 euro per le imprese), vero e proprio ‘pizzo’ sui correntisti che sforano.
La scusa di uniformare i pagamenti delle pensioni miserabili a quelle dei dipendenti pubblici Inpdap pagati il 10 di ogni mese, è una sadica giustificazione che non tiene conto della crisi e delle sofferenze di milioni di famiglie cadute sotto la soglia di povertà, che riescono ancora a difendere la loro dignità. Per questo Adusbef e Federconsumatori chiedono al Governo, di ripensarci.

L’INPS PRECISA – Le manifestazioni di dissenso su questa misura, contenuta nelle pieghe della manovra e la cui ratio sarebbe stata quella di bilanciare i flussi di pagamenti ed incassi in capo all’INPS, ha spinto l’Istituto di previdenza a fare qualche precisazione. La proroga non riguarda tutti i pensionati, ma solo quelli che percepiscono un doppio assegno, ad esempio quello dell’INPS e quello dell’INPDAP. Si tratta di una platea di circa 800 mila pensionati.
Il dubbio, però, è che il governo abbia "opportunamente" modificato la norma sul pagamento delle pensioni in itinere, proprio grazie al coro di proteste arrivato dai sindacati dei pensionati. Così la pensa Carla Cantone, segretaria generale dello Spi-Cgil, che afferma: "ci siamo ribellati a un’ingiustizia".

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stabilità: pensioni rinviate al 10 del mese, ma non per tutti. Ecco p...