La frode fiscale dello Stato italiano durata 10 anni

Dichiarata incostituzionale la legge che ha consentito di contestare una maggior capacità contributiva ai lavoratori autonomi

Sono stati necessari ben 10 anni, ma alla fine la legge che ha nel frattempo consentito di contestare una maggior capacità contributiva ai lavoratori autonomi è stata dichiarata incostituzionale. Nell’arco del decennio, però, ha generato un gettito di milioni di euro (impossibile sapere quanti) per le casse dello Stato.

Vedi anche:
FMI di nuovo all’assalto delle pensioni italiane: "Troppo alte, tagliatele"
Imu e Tasi riunite in un’unica tassa nella prossima legge di Stabilità
Canone Rai addio: lo pagherà la Lotteria Italia. E’ bufera sulle frequenze
VIDEO: "Ora semplificazione e fisco"

LA LEGGE – Nel 2004, con Siniscalco Ministro dell’Economia e Ciampi Presidente della Repubblica, venne promulgata una legge (L. 311/2004) che, aggiungendo all’interno di un articolo il termine “compensi” al già presente termine “ricavi”, ha consentito in tutti questi anni di contestare una maggior capacità contributiva ai lavoratori autonomi per il solo fatto che effettuavano dei prelevamenti dal proprio conto corrente, senza saper spiegare (a distanza di anni) come erano stati utilizzati i fondi prelevati. In sostanza, qualsiasi lavoratore autonomo  non in grado di dimostrare come aveva utilizzato i prelevamenti in contanti fatti dal proprio conto corrente, vedeva trasformarsi, agli occhi del fisco, quei prelevamenti in maggiori compensi non dichiarati e, come tali, oggetto di maggior imponibile accertato sul quale calcolare imposte, sanzioni e interessi. Una mostruosità tutta italiana.

INCOSTITUZIONALITA’ – Finalmente la Corte Costituzionale, con la sentenza 228 del 6 ottobre scorso, ha dichiarato che tale norma “è lesiva del principio di ragionevolezza e di capacità contributiva” del cittadino e, quindi, lesiva di un principio costituzionale e, come tale, incostituzionale appunto. Sanato quindi un vulnus evidente, che lascia però aperto il propblema di 10 anni in cui i lavoratori autonomi sono spesso stati condannati a pagare imposte e sanzioni su compensi mai percepiti. E se qualunque lotta all’evasione fiscale non può che partire da un saldo rapporto di fiducia tra Stato e contribuenti, la base di partenza è piuttosto franosa. Anche a causa di episodi come questo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La frode fiscale dello Stato italiano durata 10 anni