IVA verso triplo aumento fino al 25,5%. Salvo nuove tasse

Sono le clausole di salvaguardia previste nella legge di Stabilità

Il tanto temuto aumento dell’IVA, inserito (tramite la cosiddetta ‘clausola di salvaguardia’) nell’ultima legge di Stabilità, si sta per approssimare senza che nessuno lo abbia ancora disinnescato. Le clausole, infatti, scatterebbero qualora non venissero raggiunti determinati obiettivi di bilancio e di spending review, ovvero nel caso che il 2015 si dovesse chiudere senza aver ottenuto risparmi sufficienti ai saldi di bilancio.

Vedi anche:
Legge di Stabilità: tutte le misure 
Torna la spending review: Renzi la affida a due fedelissimi
L. Stabilità, previsto tra le clausole aumento accise e IVA fino al 25,5%
Caos 730: almeno 10 milioni di contribuenti pagheranno di più

AUMENTO IN TRE FASI – L’aumento sarà automatico, ossia non saranno necessarie né nuove norme, né decreti, provvedimenti o quant’altro per consentire al governo di valersi di tale clausola di salvaguardia. Dunque, se tutto rimarrà così com’è, tra circa 9 mesi scatterà il primo aumento. In particolare, gli aumenti IVA sono previsti in tre step: dal 10 al 12% nel 2016, al 13% nel 2017 e dal 22 al 24% nel 2016, al 25% nel 2017 ed al 25,5% nel 2018.

SIMULAZIONI – Federconsumatori e Confcommercio si sono affrettate a fare due conti, nel caso in cui non si trovassero le coperture necessarie. E gli scenari delineati sono a dir poco inquietanti.
L’Osservatorio Nazionale Federconsumatori che ha calcolato una stangata pari a 842 euro a famiglia. Secondo i conti effettuati, la spesa maggiore sarebbe di 266 euro con il passaggio dell’IVA dal 10% al 13% e di 461,18 euro in più per il passaggio dal 22% al 25,5%.
Un aumento di 28 euro sarebbe inoltre dovuto alle ricadute dirette dovute all’incremento delle accise sui carburanti (a regime) ed altri 87 euro alle ricadute indirette per l’aumento dell’IVA su gas, elettricità + accise sui carburanti (che incidono su costi di produzione e costi di trasporto) a regime.

L’Ufficio studi di Confcommercio lancia un allarme ancora più preoccupante: l’incremento dell’Iva potrebbe determinare un crollo dei consumi delle famiglie italiane per 65 miliardi di euro nel triennio 2016-2018.

L’incremento dell’imposta andrebbe a colpire la maggior parte dei beni e dei servizi, rivelandosi un’arma a doppio taglio: pur avendo come obiettivo l’aumento del gettito nelle casse dello Stato, rischia di contrarre ulteriormente i consumi degli italiani. I cittadini subirebbero un rincaro dei prezzi stimato nel 2018 pari al 2,5 per cento più alta rispetto al 2015, con un conseguente calo dei consumi, contrazione del reddito e un’ulteriore riduzione dell’occupazione.

LA QUESTIONE DEL GETTITO – La legge di Stabilità prevede solo la possibilità, per l’esecutivo, di evitare il rincaro dell’IVA, ma ciò a condizione che vengano adottati provvedimenti che garantiscano “gli stessi effetti positivi sui saldi di finanza pubblica” ossia non solo maggiori entrate, ma anche ulteriori tagli di spesa. In buona sostanza, gli italiani eviteranno l’aumento dell’IVA a condizione di accettare un’ulteriore spending review (oltre alle ultime già sufficientemente rigorose) o nuove tasse.

Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha già annunciato che non ci saranno aumenti. Ma il punto è che, nelle voci di bilancio, il gettito Iva offre numeri più solidi, certi e, soprattutto, più graditi agli occhi degli osservatori internazionali rispetto al riordino delle agevolazioni o alla spending review, tante volte annunciati e mai realizzati negli ultimi anni. Secondo, infatti, quanto citato dal Sole24Ore, un punto di Iva ordinaria vale circa 4 miliardi di maggior gettito all’anno, mentre un punto di Iva al 10% ne vale 2,3.

IVA verso triplo aumento fino al 25,5%. Salvo nuove tasse
IVA verso triplo aumento fino al 25,5%. Salvo nuove tasse