Iva, ecco quanto peserà l’aumento delle aliquote

L'aumento generalizzato di un punto percentuale peserà fino a 357 euro all'anno

Dopo diverse indecisioni, i governo scelto di aumentare l’imposta su valore aggiunto (Iva) di un puinto percentuale.
Una stretta che avrà indubbiamente delle ripercussioni sulle tasche degli italiani per una cifra compresa tra i 15 e i 30 euro in più al mese.
A oggi sembra che il rialzo di un punto possa interessare le tre aliquote (4% ridotta, 10% ridotta, 20% ordinaria).

L’aumento di un punto dell’aliquota del 4%, quella che interessa i beni alimentari, peserebbe dai 2,96 euro per un over 64 che vive solo ai circa 6,5 euro per un nucleo di cinque persone. A pesare maggiormente sui conti è il settore “abitazione ed energia”, ovvero con l’Iva attuale al 10%. In questo ambito il maggiore aggravio – 8,5 euro – spetta alla coppia senza figli (capo famiglia di età compresa tra i 35 e i 64 anni) che destina circa un terzo del reddito a coprire queste voci.
Per quanto riguarda i trasporti e le comunicazioni, soggetti all’Iva del 20%, la stretta toccherà soprattutto la coppia giovane, sotto i 35 anni, con 5,6 euro in più al mese, seguita dalle coppie con due figli e con tre figli (+ 5,3 euro).
Complessivamente, conclude Il Sole, il rialzo dell’imposta si tradurrebbe in un 0,9% in più al mese. Con importi totali da 13 euro per l’over 64 e da 30 euro per il nucleo di cinque persone. Dunque un esborso annuo da 158 a 357 euro.

Le aliquote Iva
1) Iva ridotta al 4%: prodotti agricoli, alimenti e bevande di prima necessità; giornali, riviste e quotidiani; apparecchiature sanitarie; somministrazioni di alimenti nelle mense aziendali; prestazioni socio-sanitarie; acquisto prima abitazione dal costruttore.
2) Iva ridotta al 10%: carne e altri prodotti alimentari (per esempio pesce, pollo e uova); birra; miele e cacao; verdura e frutta; pasticceria; vini; legna da ardere; gas ed energia elettrica; servizi telefonia; spettacoli; servizi trasporto; servizi trasporto.
3) Iva ordinaria al 20%: lavori in platino, esclusi quelli per uso industriale; pelli da pellicceria o conciate; vini e spumanti doc; veicoli con cc superiore ai 2000 mc; autofurgoni; motocicli di cilindrata superiore ai 350 mc; navi e imbarcazioni di stazza lorda superiore a 18 tonnellate; tappeti e guide fabbricati a mano orientali o del Nord Africa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Iva, ecco quanto peserà l’aumento delle aliquote