“Residente” in cella a Bergamo, è costretto a pagare l’Imu sulla seconda casa

L'assurda vicenda di un detenuto: la casa dove viveva da uomo libero viene considerata dal fisco come una casa di vacanza. Quindi le aliquote sono maggiorate

La burocrazia si accanisce su un detenuto di Bergamo, che dalla sua cella ha scoperto di dover pagare un importo di tasse sulla casa dieci volte maggiore di quello che pagava da uomo libero.

Il motivo? L’amministrazione finanziaria ha considerato il carcere come la sua prima abitazione, perché l’uomo lì aveva trasferito la residenza. Così la casa dove viveva prima dell’arresto è diventata la seconda abitazione su cui vengono applicate le aliquote Imu maggiorate.

L’assurda scoperta dopo tre anni e mezzo di detenzione. L’uomo, Antonio Cavallo 50enne di Desio, è stato condannato per un omicidio commesso nell’ambito dello spaccio di droga. Da recluso nel carcere di Bergamo, ha visto le sue tasse impennarsi. Sono stati i suoi anziani genitori, di 81 e 83 anni, ad accorgersi che il cambio di residenza aveva portato a un consistente aumento dell’importo dell’Imu. La casa dove viveva, dopo il trasferimento della residenza nel carcere di Bergamo, è diventata una seconda abitazione, alla stregua di una casa di villeggiatura. A cui si applica l’aliquota del 9,80 per mille.

“È una situazione assurda – accusa il legale di Cavallo- Il mio assistito non ha la possibilità di lavorare in carcere, e in più si ritrova a dover pagare una somma spropositata di tasse. Cavallo paga già le spese di mantenimento in carcere, e ora queste tasse del tutto illegittime “.

Dopo che anche gli uffici del comune di Desio hanno riconosciuto l’anomalia e sospeso il pagamento dell’Imu, l’avvocato Piazza intende portare la vicenda all’attenzione del garante regionale del detenuto.

Leggi anche:
Brunetta: “Altro che abolizione Imu, su casa salasso da 50 miliardi”
Chi paga l’Imu quest’anno?
Sconto IMU-Tasi col comodato d’uso: istruzioni e chiarimenti

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

“Residente” in cella a Bergamo, è costretto a pagare l&#8...