Imu, la stangata sulla casa potrebbe superare il 150%. Ma per alcuni sarà più leggera dell’Ici

In termini assoluti, l'Imu peserà mediamente di più sulle tasche dei proprietari di prima casa. Ma per molte famiglie con figli a carico le detrazioni potranno azzerare l'imposta

Cosa cambierà realmente per gli italiani con il passaggio dall’Ici all’Imu? Difficile quantificare il valore esatto della nuova Imposta Municipale Unica, poiché le variabili per calcolare il prelievo sono diverse: agisce con aliquote differenti città per città (vi sono Comuni che hanno scelto di aumentare solo l’Imu, altre che interverranno solo sull’Irpef, e altre ancora su entrambi); dipende dalla costituzione del nucleo familiare e dal reddito imponibile; è legata alla rivalutazione degli estimi catastali.

Dalle simulazioni effettuate su alcuni capoluoghi italiani emerge che vi sono Comuni in cui l’entità degli aumenti potrà toccare il 150%. Nei calcoli condotti da Il Sole 24 Ore emerge che a una coppia di liberi professionisti (lui avvocato, lei commercialista) con due figli e una casa di proprietà a Roma potrebbe corrispondere un aumento delle tasse locali nel 2012 di 1.119 euro. Un funzionario di banca milanese con una media anzianità di servizio e due immobili (la casa in cui vive e un alloggio al mare), nel 2012 rischia di pagare quasi 1.200 euro in più. Ad Avellino, su aliquota base per un immobile in affitto, si pagheranno: per una casa di 100 metri quadri quasi 500 euro (495 per l’esattezza); mentre per un negozio al centro della stessa metratura il conto è di 706 euro.

Ma sono previsti sgravi importanti per le prime case e le famiglie con figli a carico, che potrebbero ritrovarsi a versare meno di quanto pagavano con l’Ici.
Facendo riferimento all’aliquota ordinaria dello 0,4 per cento, ad esempio, con una rendita catastale uguale o inferiore a 446,43 euro, una famiglia con due figli non deve pagare nulla. Chi non ha figli può invece arrivare a zero solo con una rendita catastale uguale o inferiore a 297,62 euro, sempre se l’aliquota è quella ordinaria dello 0,4 per cento.

COS’E’ L’IMU
L’imposta municipale unica è il prelievo che dal 2012 sostituisce l’Ici, inglobando anche l’addizionale regionale Irpef sugli immobili. Si applicherà anche sulla prima casa (con detrazioni). Sono previste delle aliquote base con la possibilità per i comuni di aumentare o diminuirle di una certa misura in base alle esigenze di bilancio.

Aliquote
base
Margine
di oscillazione
Detrazioni
 Prima casa 4 per mille +/- 2 per mille
(quindi dal 2 al 6 per mille)
€ 200
+ € 50 per ogni figlio sotto i 26 anni
fino a un max di € 200 per 4 e più figli.
Quindi detrazione max € 400
 Seconde case 7,6 per mille +/- 3 per mille
(quindi dal 4,6 al 10,6 per mille)
Nessuna

La rivalutazione delle rendite catastali rappresenta il vero rincaro sulla casa: le rendite, cioè la base imponibile su cui si calcolerà l’Imu, aumenteranno per le abitazioni del 60%.

Imu, la stangata sulla casa potrebbe superare il 150%. Ma per alcuni s...