Il decreto fiscale approda in Aula. Ecco le principali novità

(Teleborsa) – Stop alla fatturazione a 28 giorni per telefonia e pay-tv, mini-scudo fiscale per ex residenti all’estero e transfrontalieri e allargamento delle detrazioni per gli affitti degli studenti fuori sede.

Sono le principali modifiche al decreto fiscale collegato alla manovra approvate ieri, 14 novembre, dalla Commissione bilancio del Senato.

Saltata, invece, la sanatoria che avrebbe consentito di non pagare sanzioni anche nei casi in cui il fisco avesse accertato il mancato pagamento delle tasse, quindi in caso di avviso bonario.

Nessuna modifica anche sul Gratta e vinci: resta dunque il rinnovo oneroso della concessione del Gratta e Vinci a Lottomatica, già prevista da bando di sette anni fa, con un rinnovo da 800 milioni di euro.

Il pacchetto pensioni, invece, è stato rinviato alla Legge di bilancio in attesa dell’intesa tra Governo e sindacati, così come l’emendamento sulla Golden power.

Evitato anche il ventilato aumento della tassa di imbarco.

L’avvio della discussione generale in Aula è previsto oggi alle 9.30. Possibile che in giornata arrivi la richiesta di fiducia da parte del Governo sul testo di un maxiemendamento.

Di seguito le principali modifiche al decreto approvate dalla Commissione bilancio di Palazzo Madama.

– TRA 4 MESI STOP FATTURA A 28 GIORNI TLC, TV E INTERNET. Via libera alla fatturazione mensile per le bollette di telefonia e pay-tv con un rimborso forfettario di 50 euro che dovrà essere pagato ai loro clienti dalle società che non si adeguano entro 4 mesi. Previsto il raddoppio delle sanzioni previste dal Codice delle comunicazioni ad un minimo di 240.000 euro fino ad un massimo di 5 milioni di euro.
Le utilities potranno invece continuare a fatturare ogni 28 giorni in quanto la spesa riguarderà i consumi effettivi degli utenti.

– OK A RITOCCHI SPESOMETRO, CADENZA ANNUALE O SEMESTRALE. Si prevede la possibilità per il contribuente di trasmettere i dati annualmente o semestralmente e si offre la facoltà di riepilogo cumulativo di tutte le fatture di un’impresa inferiori a trecento euro. Per gli errori commessi nell’invio dei dati delle fatture del primo semestre 2016, sono inoltre abolite le sanzioni, purche’ tali errori siano sanati con un nuovo invio da effettuarsi entro febbraio 2018.

– OK AD AMPLIAMENTO PLATEA ROTTAMAZIONE. Sarà possibile estendere la domanda anche a quei contribuenti che non l’avevano presentata o che non avevano provveduto al pagamento nel rispetto dei termini fissati. Nello stesso tempo, si amplia la possibilità di nuove rottamazioni delle cartelle fino al settembre 2017. Saranno nel frattempo sospesi, per chi presenta domanda, i versamenti rateali per chi ne aveva fatto richiesta. Infine slitta dal 30 novembre al 7 dicembre il termine per pagare le prime due rate della vecchia rottamazione scadute a luglio e inizio ottobre e per rientrare nel programma fiscale.

– MINI-SCUDO FISCALE AL 3%. Gli ex residenti all’estero e i transfrontalieri potranno regolarizzare su attività e somme detenute all’estero in violazione degli obblighi di dichiarazione o derivanti dalla vendita di beni immobili detenuti all’estero con il versamento del 3% del valore delle attività e della giacenza al 31 dicembre 2016 a titolo di imposte, sanzioni e interessi. Prolungati fino a giugno 2020 i termini di scadenza.

– AMPLIATE LE DETRAZIONI PER AFFITTI STUDENTI FUORI SEDE. Si amplia la platea degli studenti universitari fuori sede che possono detrarre l’affitto dalle tasse. La norma fa cadere il vincolo che consentiva la detrazione solo se la sede di studio si trova in una provincia diversa da quella di residenza e abbassa la distanza minima da casa per poter usufruire del beneficio da 100 a 50 chilometri per gli studenti provenienti da zone montane e disagiate.

– PIÙ TEMPO AI CONTRIBUENTI SE IN DIFFICOLTÀ. Vengono semplificate le procedure e accelerati i tempi per la concessione di maggior tempo ai contribuenti in caso di problemi come quelli che si sono verificati per lo spesometro.

– BAMBINI ESCONO DA SCUOLA SOLI SOLO CON AUTORIZZAZIONE SCRITTA GENITORI. Gli studenti delle scuole medie potranno uscire da soli ma sarà necessaria un’autorizzazione scritta, che esonera gli istituti da responsabilità. L’intervento si è reso necessario dopo una sentenza della Corte di Cassazione.

– CREDITO IMPOSTA PER PUBBLICITÀ ANCHE A TESTATE ON LINE. Il credito d’imposta sugli investimenti aggiuntivi effettuati da imprese e lavoratori in campagne pubblicitarie su stampa quotidiana e periodica viene esteso anche alle testate online. Il decreto fiscale stanzia per la concessione del credito di imposta un fondo di 62,5 milioni di euro per l’anno 2018.

– DETRAIBILI SPESE ALIMENTI PER MALATTIE METABOLICHE CONGENITE. Diventano detraibili per il 2018 e il 2019 le spese sostenute per acquistare alimenti a fini medici speciali (quelli per malattie metaboliche congenite, esclusi gli alimenti senza glutine). Lo stanziamento è di 20 milioni di euro per il 2018 e di 11,4 milioni per il 2019. 

– LA VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ DI RISCOSSIONE PASSA AL MEF. Con una modifica alla legge che ha trasformato l’Agenzia delle Entrate in Agenzia delle Entrate-Riscossione, la vigilanza sulle attività di riscossione fiscale passa dall’Agenzia delle Entrate al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

– OK A 5 PER MILLE ANCHE PER I PARCHI. Gli enti gestori delle aree protette entrano tra i soggetti che i contribuenti possono indicare quali beneficiari del 5 per mille dell’Irpef.

– GARANTITI COLLEGAMENTI ALITALIA CON LA SARDEGNA. Alitalia dovrà garantire le attuali rotte svolte in continuità territoriale con la Sardegna anche in caso di cessione.

– STOP ALLA VENDITA ONLINE SIGARETTE ELETTRONICHE CON NICOTINA. Stop alla vendita a distanza e online delle sigarette elettroniche contenenti nicotina che potranno essere vendute solo dalle tabaccherie e nei rivenditori specializzati. E’ quanto prevede un emendamento al decreto fiscale collegato alla manovra, primo firmatario Simona Vicari (Ap), approvato in Commissione bilancio del Senato. Finora la normativa vietava esclusivamente le vendite transfrontaliere.

Il decreto fiscale approda in Aula. Ecco le principali novità
Il decreto fiscale approda in Aula. Ecco le principali novità