Fisco: studi di settore per tutti, non solo per imprenditori e commercianti

Dal 1° gennaio l'occhio del Fisco vede ancora meglio spese e tenore di vita degli italiani

La Legge di Stabilità 2015 consente ai funzionari dell’Agenzia delle Entrate di poter incrociare i dati di 128 banche dati pubbliche e verificare eventuali "anomalie" tra spese effettuate e reddito dichiarato. Mentre questo tipo di controlli, fino all’anno scorso, era riservato a soggetti a rischio-evasione, dal 2015 siamo tutti sulla stessa barca. Secondo alcuni commentatori, dallo scorso 1° gennaio il cittadino italiano medio è sottoposto allo stesso «trattamento» di un qualsiasi imprenditore o commerciante, cioè a uno studio di settore onnipervasivo che misura se le sue entrate e il suo tenore di vita siano "congrui", cioè se non vi sia qualche risorsa segreta che viene sottratta al fisco.

Vedi anche:
Semplificazioni per i contribuenti: ecco le novità nel decreto
Modello 730 e precompilato: tutte le novità nella dichiarazione dei redditi 2015
Addio CUD, ecco la nuova Certificazione dei redditi CU 2015. Il modello
Equitalia, come chiedere online la sospensione dei pagamenti

LE BANCHE DATI – Le 128 banche dati che diverranno terreno di controllo da parte delle Entrate sono note: anagrafe dei Comuni, catasto, Pubblico registro automobilistico, archivi dell’Inps, le Scia (segnalazioni certificate di inizio attività, di prammatica per le ristrutturazioni), i verbali delle ispezioni della Guardia di Finanza ecc…
Ma soprattutto i conti correnti, che erano già ‘monitorabili’ prima, con la differenza che ora entrerà a far parte dei controlli anche la giacenza media. Il Sistema interscambio dati varato nel 2013 obbliga le banche a trasmettere i saldi all’inizio e alla fine dell’anno solare. Ora che anche la giacenza media dovrebbe essere oggetto di indagine, se si discosterà in modo significativo da quelle che sono le evidenze dei nostri 730, partiranno i controlli. Soprattutto se le nostre spese sono tracciabili (con assegni e carte di credito) e inducono a ritenere che il nostro tenore di vita sia superiore a quello che potremmo permetterci.

IL CONFRONTO COL REDDITO – E’ una procedura paragonabile a quella dei controlli a tappeto eseguiti negli ultimi tempi dalla GdF, nel momento in cui vengono fermati automobilisti al volante di grosse fuoriserie: i finanzieri inviano i dati alla loro centrale operativa e all’Agenzia delle Entrate. A quel punto, se il proprietario risulta aver dichiarato un reddito basso, scattano i controlli. Idem per i mezzi di lusso che risultano proprietà di aziende: la Finanza controlla il reddito dell’impresa. Se la vettura è intestata a terzi, il controllo viene eseguito sul reddito dei proprietari. Lo scopo è quello di evitare che si acceda in maniera fraudolenta alle prestazioni sociali che prevedono diverse tariffe a seconda delle fasce di reddito, come l’iscrizione all’asilo o la retta universitaria, se l’indice di situazione economica equivalente – Isee – della propria famiglia è basso.

TRACCIABILITA’ – Il tutto nel solco della tendenza ad una sempre maggiore tracciabilità dei pagamenti. Nel prossimo futuro le transazioni saranno inviate direttamente all’Agenzia delle Entrate che ne terrà conto per le nostre dichiarazioni precompilate. L’esempio più facile e calzante è quello dell’acquisto di un prodotto in farmacia: non ci sarà bisogno di portare con sé il tesserino sanitario; se paghiamo con il bancomat, infatti, l’Agenzia delle Entrate risale a noi e detrae la spesa dal nostro 730.

IL GETTITO – "Per i funzionari dell’Agenzia non cambierà assolutamente nulla", spiega Sebastiano Callipo, segretario generale di Confsal-Salfi, il principale sindacato dei dipendenti delle Entrate. "Lo scopo è aumentare l’autotassazione – aggiunge – facendo capire, con il sorriso, al contribuente che sappiamo tutto di lui e oltre un certo limite di evasione non può andare, ma questo schema non funziona con un sistema fiscale che finisce con l’accanirsi su lavoratori dipendenti e pensionati. Lo Stato nercessita dalle Entrate di più di 20 miliardi e dobbiamo trovarli. Per questo motivo, ci sta trasformando da controllori in consulenti fiscali che devono spiegare ai cittadini che è bene dichiarare più tasse".

Fisco: studi di settore per tutti, non solo per imprenditori e commercianti
Fisco: studi di settore per tutti, non solo per imprenditori e co...