Fisco, sospesi i pagamenti fino a ferragosto

Scadenze prorogate al 20 di agosto. Eccezioni: studi di settore e canone Rai

Piccola pausa estiva dell’amministrazione tributaria: le scadenze fissate dal 2 al 19 agosto sospese e rimandate al 20.
Non mancano, però, le eccezioni. Per esempio i contribuenti soggetti agli studi di settore che non hanno effettuato i versamenti entro il 6 luglio, dovranno presentare entro il 5 agosto la dichiarazione unificata pena una maggiorazione dello 0,40%. Nessun rinvio per gli abbonati Rai, ovvero per quelli che hanno scelto di pagare in rate semestrali (rata 55,63 euro) o trimestrali (28,97 euro). Ultimo giorno utile: 2 agosto.
Della pausa estiva fino al 20 agosto ne beneficiano i non titolari di partita Iva che avrebbero dovuto pagare la rata di Unico entro il 2 agosto.

E poi c’è la vasta platea di coloro che avrebbero dovuto presentare il modello 770, compresi i ravvedimenti, ovvero i sostituti d’imposta. I titolari di partita Iva “guadagnano” quattro giorni di tempo, si padda dal 16 al 20. Stesso rinvio per tutti coloro che devono presentare l’F24, vale a dire i contribuenti Iva e i contribuenti non in regola attesi dal ravvedimento.
La proroga vale anche per i commercianti al minuto che devono registrare le operazioni del mese precedente per le quali hanno rilasciato scontrino o ricevuta fiscale.

Fisco, sospesi i pagamenti fino a ferragosto