Esenzione canone Rai: pioggia di ricorsi a causa di problemi tecnici

L'ultimo giorno per l'autocertificazione ha mandato il sistema in tilt: casella Pec intasata e domande respinte

Non c’è pace per il canone Rai. Lo scorso 16 maggio è scaduto il termine per l’invio dell’autodichiarazione valida per ottenere l’esenzione nella bolletta di luglio. Probabilmente a causa dell’alto numero di utenti, il sistema è andato in tilt e così il giorno successivo sono partiti i ricorsi. In molti hanno segnalato problemi di funzionamento anche alla casella Pec dell’Agenzia delle Entrate, satura di richieste già il giorno prima.

“SI RISCHIANO ADDEBITI DOPPI” – Lo denuncia il segretario dell’Unione nazionale consumatori secondo cui i numeri dell’Agenzia delle entrate e della Rai non sono stati in grado di gestire le numerosissime richieste di informazioni dei cittadini. “Questo dimostra che molti italiani non hanno ancora capito come va compilata la dichiarazione. Il rischio ora è che onesti contribuenti che hanno sempre pagato il canone in vita loro si ritrovino due canoni addebitati in bolletta solo perché non hanno inviato la dichiarazione in tempo o a pagare 50 euro per averla inviata in ritardo. Una cosa assurda e inaccettabile. Insistiamo a chiedere una proroga”.

SECONDA SCADENZA PER IL CANONE RAI – Intanto va ricordato che, aldilà dei ricorsi, la seconda scadenza per l’autocertificazione è il 30 giugno 2016: inviare il modulo entro questa data servirà almeno ad ottenere l’esenzione del canone Rai per la bolletta relativa al secondo semestre. L’autocertificazione, avendo valenza solo annuale, andrà poi spedita di nuovo entro il 31 gennaio per il 2017.

COME CHIEDERE IL RIMBORSO – La scadenza del 16 maggio 2016 è stata espressamente riferita solo all’autodichiarazione per il mancato possesso della tv. Ma cosa succede per gli altri casi di esenzione? E’ lecito pensare che le domande possano essere ancora inviate. Dopo il pagamento del canone resta la via del rimborso. Ma come? “Le modalità per rientrare in possesso dei propri soldi dovevano essere indicate dal fisco dopo l’emanazione del decreto attuativo che doveva arrivare il 15 febbraio. Peccato che ancora non c’è”, ha fatto notare l’avvocato dell’Aduc, Emmanuela Bertucci. Quest’ultima, in mancanza di indicazioni normative, ha consigliato di pagare solo la quota bolletta relativa ai consumi elettrici e quindi di “non pagare la quota di bolletta relativa al canone e inviare contestualmente una raccomandata in duplice copia alle Entrate e alla società elettrica per motivare lo scorporo”.

Leggi anche:
Chi non paga il canone RAI? Le risposte di Virgilio Genio
Canone Rai, attenti alla truffa delle false email per pagare online
Canone Rai in bolletta e falsi funzionari Enel: attenti alle truffe
Canone Rai, militari e diplomatici stranieri non devono pagarlo
Canone Rai, alcuni esempi di chi deve (o non deve) pagare
Canone Rai, attenti alla truffa delle false email per pagare online
Canone Rai in bolletta e falsi funzionari Enel: attenti alle truffe
Canone Rai, rischio stangata per gli anziani nelle case di riposo
Canone: chi non paga rischia il carcere
Canone: il modello da compilare per non pagare
Canone Rai: costerà ben più di 100 euro
Come pagare la bolletta senza pagare il canone

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Esenzione canone Rai: pioggia di ricorsi a causa di problemi tecn...