Equitalia: possibile stop alle cartelle fino a 2.000 euro

Allo studio del governo misure per dare "un volto più umano" all'agenzia

Stante la possibilità di rateizzare le pendenze con Equitalia, il governo studia diversi modi per tentare di ammorbidire l’impatto che l’agenzia di riscossione ha sui cittadini in un momento di oggettiva difficoltà economica.
(VEDI ANCHE: RATEIZZAZIONE CARTELLE EQUITALIA FINO AL 31 LUGLIO) 

CAMBIARE EQUITALIA – Mentre si avvicina dunque la scadenza del 31 luglio per la seconda chance di rateizzazione delle cartelle esattoriali di Equitalia, il governo Renzi studia nuove modalità di riscossione che possano rendere l’agenzia più vicina ai contribuenti. Se l’obiettivo è rendere il Fisco più "umano", dopo le novità riguardanti il 730 precompilato (SE NE PARLA QUI), allo studio del Governo ci sarebbe una riforma radicale dell’ente di riscossione: da nemico numero uno dei cittadini, Equitalia potrebbe trasformarsi nell’ente pubblico che aiuta il contribuente in difficoltà a pagare i suoi debiti con il Fisco.

STOP CARTELLE FINO A 2000 EURO? – Tutto ciò potrebbe tradursi in un nuovo piano di rateizzazione Equitalia, dopo quello ordinario di 72 rate e quello straordinario di 120. Ma un’altra novità ventilata riguarderebbe il possibile stop alle cartelle esattoriali per debiti fino a 2.000 euro. Per ora si tratta solo di supposizioni nate da voci di corridio nei palazzi della politica, ma si vedrà presto se seguiranno azioni concrete da parte del Governo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Equitalia: possibile stop alle cartelle fino a 2.000 euro