Legge di stabilità, le misure più rilevanti. Cosa cambia con il provvedimento

Dall'Università alla Tav, dalla Tares alle gomne da neve, dagli sfratti alla Tobin tax. La manovra è un "monstre" da oltre 500 commi. Le misure più rilevanti approvate

La manovra è diventata l’ultima occasione del Governo per intervenire nel quadro legislativo italiano. Con la fine anticipata della legislatura, rispetto alle prime stesure, il testo si è molto appesantito, lievitando progressivamente per includere il Milleproroghe, il decreto salva-infrazioni e numerose altre norme: il maxiemendamento del governo è stao definito testo ‘monstre’, composto da circa 550 commi.

Dalla nuova Tobin tax alle misure salva-precari, dall’Imu ai Comuni agli ammortizzatori sociali. Ecco le misure più rilevanti del provvedimento.

Le più discusse

TARES. La nuova tassa su rifiuti e servizi sostituisce la Tarsu e arriverà dall’anno prossimo. La tariffa si pagherà in più rate e la prima è prevista ad aprile.

SALE POKER. Scattano a gennaio le gare per aprire sale da poker. È stata eliminata infatti la proroga di sei mesi per l’apertura di sale dedicate al gioco d’azzardo.

TAV. Nuove risorse per 2,25 miliardi di euro per la Tav Torino-Lione. All’alta velocità ferroviaria sono destinati 150 milioni di euro all’anno dal 2015 al 2029.

UNIVERSITA’. Per gli atenei arrivano risorse per 100 milioni di euro. Andranno ad aumentare la dotazione del Fondo per il finanziamento ordinario delle università.  Il ministro dell’istruzione: "Dei 400 milioni necessari, il ddl ne stanzia solo 100. Gli atenei non potranno fare fronte alle spese".

AEROSPAZIO. Arrivano 8,43 miliardi di euro in 16 anni per sostenere le imprese del settore aerospaziale. Un intervento di cui beneficerà in particolare Finmeccanica.

ABS E PNEUMATICI. Cancellato l’Abs obbligatorio per le moto e salta l’obbligo di montare pneumatici termici sulle auto (e non le catene) in caso di forti nevicate.

TOBIN TAX. La tassa sulle transazioni finanziarie scatterà da marzo con una nuova veste (esentando la finanza etica). L’aliquota per i mercati regolamentati sarà dello 0,12% (ma 0,1% dal 2014) e per quelli non regolamentati, su cui sarà applicata da luglio, dello 0,22% (0,2% dal 2014). Per i derivati invece l’imposta è fissa e sarà al massimo di 200 euro. Colpito anche il trading più speculativo, con un’aliquota dello 0,02% sulle negoziazioni ad alta frequenza (high frequency trading).

SFRATTI. Arriva una nuova proroga per il blocco degli sfratti, inserita nell’emendamento ‘Milleproroghe‘. Il termine è rinviato a fine giugno 2013, con un possibile ulteriore rinvio di altri sei mesi.

Lavoro e previdenza

PRECARI. Salvi i precari della pubblica amministrazione con contratto in scadenza, che resteranno così al lavoro fino al prossimo 31 luglio. Nei concorsi pubblici, inoltre, ai precari potrà essere riservata una quota fino al 40% dei posti: ne beneficeranno i lavoratori con tre anni di servizio con contratto a tempo determinato o collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co) nell’amministrazione che emana il bando. Il reclutamento dovrà svolgersi per titoli ed esami.

CONGEDI A ORE. Arrivano i congedi parentali ‘su base oraria’. Le modalità per beneficiarne saranno definite dalla contrattazione collettiva di settore.

AMMORTIZZATORI SOCIALI. Aumentano le risorse per finanziare la cassa integrazione in deroga, con 900 milioni che si aggiungono agli 800 milioni già previsti.

RICONGIUNZIONI. Le ricongiunzioni previdenziali tornano a essere gratuite, ma soltanto per i lavoratori passati all’Inps dal pubblico impiego prima del luglio 2010.

TFR PUBBLICO IMPIEGO. Cancellata la trattenuta del 2,5% sul Tfr per i dipendenti pubblici, con il ripristino del trattamento di fine servizio (Tfs).

INPS-INAIL. Slitta al 31 luglio la scadenza dei consigli di indirizzo e vigilanza (Civ) di Inps e Inail, in attesa del riordino previdenziale con la nascita del super-Inps.

Amministrazioni locali

IMU. Il gettito dell’imposta municipale propria passa ai Comuni, che incasseranno subito 7,6 miliardi di euro nel 2013-2014. A queste risorse si aggiungono quelle del Fondo di solidarietà comunale, pari a 8,9 miliardi nel biennio. Allo Stato resterà però il gettito Imu su capannoni industriali e opifici, con un incasso di 8,9 miliardi nel 2013-14. Su questi immobili a uso produttivo i Comuni potranno aumentare l’aliquota standard dello 0,76%, portandola fino a un massimo di 1,06%.

PROVINCE. Congelato per un anno il riordino delle Province. Anche nel 2013 non ci saranno elezioni e, se necessario, arriverà un commissario straordinario.

COMUNI. Rinvio di sei mesi per l’approvazione dei bilanci dei Comuni. Il termine per la delibere sul bilancio degli enti locali è spostato infatti al 30 giugno 2013.

PATTO STABILITA’. Salgono a 1,4 miliardi le risorse per Comuni e Province. Un miliardo arriverà da un allentamento del patto di stabilità interno, 400 milioni da minori tagli per i Comuni.

IRPEF REGIONI. Slitta di un anno, al gennaio del 2014, la possibilità per le Regioni di rimodulare l’addizionale Irpef, misura prevista dalla manovra estiva del 2011.

FOTOVOLTAICO. Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per realizzare gli impianti fotovoltaici su edifici pubblici e aree della pubblica amministrazione.

RIFIUTI ROMA. Sarà nominato un supercommissario per la gestione dei rifiuti a Roma e provincia. L’incarico potrà durare sei mesi, con la possibilità di proroga.

Finanza

MONTI-BOND. Cambiano i Monti-bond, le obbligazioni sottoscritte dal ministero dell’Economia di cui beneficerà Banca Mps. Il termine slitta ancora al primo marzo del 2013.

IMPOSTA BOLLO. Nel 2013 aumenta a 4.500 euro, dai precedenti 1.200 euro, il tetto per l’imposta di bollo pagata dalle soc
ietà sui prodotti finanziari.

BEI. L’Italia parteciperà all’aumento di capitale della Banca europea per gli investimenti con un contributo di 1,617 miliardi, da pagare in un’unica tranche nel 2013.

Fisco

SANATORIA MINI-DEBITI. Sono cancellati tutti i piccoli debiti con il Fisco, fino a un importo di 2mila euro, che risalgono a prima dell’anno 2000.

FONDO TAGLIA-TASSE. Non andranno al fondo taglia-tasse le risorse derivanti dalla minore spesa per interessi sul debito pubblico, legata al calo dello spread Btp-Bund.

CARTELLE PAZZE. Novità per le cartelle esattoriali errate, con misure per accelerare l’annullamento di questi avvisi di pagamento inviati erroneamente dal Fisco.

ASSICURAZIONI. Fissato tetto al credito d’imposta delle imprese assicurative, commisurato all’ammontare delle riserve tecniche presenti in bilancio.

Sanità

NON-AUTOSUFFICIENZE. Stanziati 115 milioni di euro per sostenere i malati di Sla (sclerosi laterale amiotrofica) e aiutare le persone non-autosufficienti.

POLICLINICI NON STATALI. I policlinici delle università non statali avranno nel 2013 un contributo di 52,5 milioni. La fondazione Gaslini riceve invece 5 milioni.

FANNULLONI. Verifica straordinaria sul personale del settore sanitario. Se saranno scovati dei ‘fannulloni’, dovranno essere ricollocati alle proprie mansioni.

Media

EDITORIA. Per il prossimo anno stanziati 45 milioni di euro per il settore editoriale e 15 milioni per il sostegno a radio e televisioni locali.

TV-STAMPA. Prorogato di un anno il divieto di incroci proprietari tra stampa e televisioni. Lo stop resta in vigore fino al 31 dicembre del 2013.

Sisma emilia

SISMA EMILIA. Risorse per sostenere le imprese che hanno subito danni indiretti, con l’accesso ai mutui garantiti dallo Stato per pagare tasse e contributi.

BUSTE PAGA PESANTI. Per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna è prevista la restituzione dei contributi previdenziali, distribuita in rate mensili.

Sicurezza ed esercito

SICUREZZA. Nel comparto sicurezza si potranno fare assunzioni di personale per arrivare a una spesa annua massima di 70 milioni per il 2013 e 120 milioni dal 2014.

GDF. Da ottobre per diventare generale di divisione e generale di corpo d’armata della Guardia di finanza servirà un anno in più di permanenza nel grado precedente.

Varie

POSTE. Rinvio di un anno per i tagli al parco auto di Poste italiane, obbligata a ridurre le vetture usate dai postini e quelle date come benefit ai dipendenti.

BENI MAFIA. Rafforzamento per l’Agenzia per l’amministrazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata. I beni mobili sotto sequestro potranno essere venduti.

EXPO 2015. L’Expo 2015 non subirà i tagli lineari del 10%. A supporto della società di gestione arriverà il personale della struttura per la gestione liquidatoria di Torino 2006.

MULTE GIOCHI. Rinvio al 30 giugno 2013 per le multe previste per gli spot radio-televisivi e la pubblicità sulla stampa per ragazzi che pubblicizzano i giochi con vincite in denaro.

Legge di stabilità, le misure più rilevanti. Cosa cambia con il ...