Topolino non ride più – Crisi anche per la Disney, tutta colpa dei Dvd

Crisi anche per la Disney, tutta colpa dei Dvd


Altro che mercato anticiclico, anche l’home entertainment accusa il colpo. Si diceva che di fronte alla recessione la gente si sarebbe chiusa in casa e tutti i divertimenti domestici ne avrebbero beneficiato. Sarà forse vero per scacchi, tombola e scala quaranta, ma i Dvd invece sono in crisi. E a farne le spese è la Disney.

Robert Iger, amministratore delegato della Walt Disney Company, ha dichiarato che l’attuale quadro economico si profila come “il peggiore nella storia” del gruppo.
Pare che sia tutta colpa dei Dvd. Secondo il colosso di Burbank, California, emergono chiari segnali di saturazione dalle videoteche personali. Ormai in media le famiglie americane possiedono circa 80 Dvd a nucleo e quindi “crisi economica o meno, saranno più selettive sui nuovi acquisti”, ha riconosciuto Iger.

Inoltre pare che i consumatori si rivolgano sempre più a nuove tipologie di accesso ai contenuti, innanzitutto scaricandoli direttamente da internet. Il che mette in difficoltà non solo le vendite di Dvd ma anche le stazioni televisive a pagamento.
A condire il tutto, ci si mette poi la fase di debolezza economica generale.

Negli ultimi tre mesi del 2008 il fatturato della società è calato dell’8%, a 9,6 miliardi di dollari, mentre l’utile netto è caduto del 32% a 845 milioni – o 45 cents per azione – contro 1,25 miliardi dello stesso periodo del 2007. Il risultato netto si è rivelato inferiore a quanto previsto in media dagli analisti, circa 52 cents per azione, e negli scambi fuori seduta ordinaria le azioni Disney hanno segnato cali dell’ordine del 7% a 19,05 dollari.

Andamenti divergenti sul fatturato dei canali televisivi e satellitari controllati, con un più 2% per Disney Channel e Espn ma un meno 14% per la Abc. Il fatturato dei parchi Disneyland è calato del 4%, con flessioni sia nelle entrate da ingressi sia sui livelli di utilizzo delle strutture alberghiere correlate.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Topolino non ride più – Crisi anche per la Disney, tutta colpa ...