Affitti, arrivano i codici per pagare la cedolare secca

Pronti i codici per pagare con il modello F24 l'acconto per la cedolare. I codici, dovranno essere usati per versare l’acconto e il saldo

L’agenzia delle Entrate ha reso noto i codici tributo per pagare – tramite il modello F24 – l’acconto per la cedolare fissa sulle locazione. I codici, vanno usati per versare l’acconto e il saldo della nuova imposta sui contratti di locazione, che sostituisce l’Irpef, le relative addizionali, il registro e il bollo.
Sono stati fissati tre codici:
1840 per la prima rata dell’acconto da versare entro il prossimo 6 luglio;
1841 per la seconda rata dell’acconto o per l’acconto in un’unica soluzione da pagare entro il 30 novembre;
1842 per il saldo da versare il prossimo anno.

L’introduzione della cedolare secca rinnova anche le procedure per la registrazione dei contratti d’affitto. Infatti sul sito dell’agenzia delle Entrate è a disposizione un software, chiamato Siria, che permette di compilare un modulo semplificato per la registrazione dei contratti d’affitto e scegliere il regime di tassazione con la cedolare secca, ovvero con le due aliquote all’19 e all’21%.

In particolare le due aliquote vengono così applicate
– 21% per i contratti a canone libero (i cosiddetti “4+4”, con riferimento agli anni della durata),
– 19% per i contratti a canone concordato, cioè stipulato sulla base di contratti-tipo definiti in sede locale tra organizzazioni dei proprietari e degli inquilini (“3+2” per la loro durata inferiore).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Affitti, arrivano i codici per pagare la cedolare secca