Canone Rai, rischio stangata per gli anziani nelle case di riposo

Gli anziani in casa di cura potrebbero dover pagare il balzello, anche se la televisione non la guardano e nella casa non ci abitano più

L’ultima sorpresa del canone Rai in bolletta riguarda gli anziani. In un comunicato stampa, l’Aduc pone l’accento su come debbano comportarsi i degenti nelle strutture sanitarie.

La nuova normativa, infatti, non prevede l’esenzione per chi è ricoverato in casa di riposo. Quindi, anche gli anziani in casa di cura potrebbero dover pagare il balzello, anche se la televisione non la guardano e e nella casa neanche ci abitano più.

Fino al 31 dicembre 2015, infatti, era presente sul sito Rai dedicato agli abbonamenti TV la seguente faq: “Mi sono trasferito in Casa di Riposo, posso disdire il canone?”. Risposta: “Se l’intestatario dell’abbonamento si trasferisce in Casa di Riposo, può chiedere l’annullamento dell’abbonamento inviando una lettera raccomandata… indicando i dati della Casa di Riposo e la data di inizio degenza presso la struttura”.

Entrata in vigore la nuova normativa la spiegazione è, però, sparita. Così come tutte quelle in cui si consigliava all’utente di disdire l’abbonamento. Cose succede dunque all’anziano che decide di trasferirsi in una casa di cura?
“La nuova normativa ha abolito la possibilità di chiedere il suggellamento dell’apparecchio. Ma la richiesta di cessazione dell’ abbonamento per ricovero in struttura di riposo”, spiega l’avvocato dell’Aduc Emmanuela Bertucci, “non aveva niente a che fare col suggellamento, tanto che la Rai non richiedeva alcun vaglia postale. Né la nuova normativa pare aver inciso sul presupposto di esenzione per chi è ricoverato in casa di riposo”.

Pertanto, spiega l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, è ancora possibile chiedere la sospensione/disdetta/cessazione del canone Rai nel caso in cui il contribuente, degente in casa di riposo o strutture affini, abbia mantenuto residenza anagrafica e utenza elettrica nella propria abitazione di residenza anagrafica.

Per questo motivo, conclude il comunicato dell’Aduc, abbiamo inviato all’Agenzia delle Entrate una richiesta di chiarimenti. Nel frattempo, coloro che sono ricoverati in casa di riposo che ancora hanno intestata un’utenza elettrica nella casa dove risiedono anagraficamente, potranno inviare apposita dichiarazione sostitutiva per ottenere l’esenzione. Occhio perché se non lo si fa entro il prossimo 30 aprile, e la persona degente ha la bolletta dell’elettricità intestata, si ritroverà a pagare il canone non dovuto.

Leggi anche:
Canone Rai: dal 4 aprile si potrà chiedere l’esonero
Canone Rai, chi non paga rischia il carcere
Canone Rai, il modello da compilare per non pagare
Il canone Rai in bolletta costerà ben più di 100 euro
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il Canone Rai
Canone Rai, la data ultima per non pagarlo con un’autocertificazione
Le 20 isole che non avranno il canone Rai in bolletta
Canone Rai, l’ultima beffa: si pagherà due volte
Canone Rai in bolletta: sarà la residenza a decidere chi paga
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il canone Rai

Canone Rai, rischio stangata per gli anziani nelle case di riposo