Canone Rai in bolletta – cambio del fornitore nel corso dell’anno, si devono fare comunicazioni? Risponde l’Agenzia delle Entrate

Il Canone Rai in bolletta rimarrà invariato anche in caso di variazione di fornitore dell'energia elettrica. Ecco come controllare che gli importi del canone TV siano in regola

Canone Rai in bolletta, nessuna comunicazione da fare quando si passa ad un altro fornitore d’energia. È quanto ha stabilito l’Agenzia delle Entrate in merito alle nuove modalità di pagamento del canone TV. Si tratta di un grande vantaggio per i consumatori, che potranno fare la richiesta al nuovo gestore senza preoccuparsi di informare la Pubblica Amministrazione. Ciò sarà possibile anche grazie al nuovo SII, acronimo di Sistema Informativo Integrato, avviato dall’AEEG ed entrato in funzione il 1 giugno 2016, che snellirà le pratiche per cambiare fornitore.

Grazie a questo database l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas, provvederà ad interfacciarsi con l’Agenzia delle Entrate per consentire agli utenti il pagamento del Canone Rai in bolletta. Il compito di presentare le rate di pagamento, in base ai giusti periodi di competenza, spetterà alle imprese elettriche. Gli utenti che temevano di dovere disdire il Canone per il cambio di fornitore, potranno stare tranquilli. L’unico compito del cittadino, in questo caso, sarà di verificare la correttezza degli importi richiesti, per evitare di eseguire un doppio pagamento per lo stesso periodo.

Allo stesso modo, chi pensava di riuscire a non pagare il Canone Rai in bolletta, semplicemente cambiando fornitore, rimarrà deluso. Tuttavia, alcuni esperti consigliano di rimanere informati circa i prezzi dell’energia, in modo da abbassare l’importo totale delle fatture elettriche, scegliendo un nuovo contratto. È vero che le spese relative al canone TV e al consumo di energia rimarranno separate, ma considerando che saranno inserite in un unico pagamento, questa soluzione potrebbe essere interessante per risparmiare sulla bolletta.

In definitiva, ad oggi l’Agenzia delle Entrate, richiede una specifica comunicazione da parte del cittadino quando cambia l’indirizzo di residenza, ma non quando viene utilizzata una nuova impresa fornitrice d’energia. Questa iniziativa è dettata anche dalla volontà di incentivare quanto più possibile lo scambio all’interno del libero mercato, strategia attuata già da alcuni anni, ma che necessita di quante più agevolazioni possibili per divenire vantaggiosa e semplice da applicare. Il nuovo sistema di pagamento del Canone Rai in bolletta è partito da poco ed è importante, comunque, monitorare attentamente le rate per evitare disguidi.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Canone Rai in bolletta – cambio del fornitore nel corso dell&#82...