Canone Rai: dal 4 aprile si potrà chiedere l’esonero

Dal 4 aprile 2016 è possibile presentare l'autocertificazione per l'esonero dal pagamento del canone Rai: ecco chi può fare domanda, come ed entro quando

Da lunedì 4 aprile scatta la possibilità di presentare online lautocertificazione per non pagare il canone Rai. Lo comunica la stessa Agenzia delle Entrate nella sezione dedicata all’abbonamento alla tv di Stato.
I contribuenti che scelgono la modalità telematica hanno tempo fino al 10 maggio per inviare la domanda, mentre per chi sceglie l’invio cartaceo (con raccomandata a/r) la scadenza è il 30 aprile.

CHI NON PAGA IL CANONE – Per richiedere l’esenzione o l’esonero sarà necessario possedere alcuni importanti e imprescindibili requisiti: non possedere una televisione nell’abitazione relativa all’utenza di fornitura elettrica associata o rispettare alcuni criteri anagrafici e reddituali. Non è più possibile disdire l’abbonamento richiedendo il suggellamento dell’apparecchio tv.
Quindi, oltre a esssere esonerati coloro che non possiedono il televisore, lo sono anche gli ultra75enni con reddito massimo di 8.000 euro nel precedente anno d’imposta (considerato congiuntamente a quello del coniuge), e i diplomatici italiani e stranieri.

COME SI FA RICHIESTA DI ESONERO – Per chi sceglie di inviare la richiesta di esonero tramite l’applicazione web delle Entrate, la dichiarazione si considera presentata nella data risultante dalla ricevuta rilasciata in via telematica dal Fisco. Come detto, la scadenza in questo caso è il 10 maggio: nel caso in cui la domanda arrivi successivamente ma entro il 30 giugno, resta valida solo per il secondo semestre dell’anno.

RICHIESTA ANNUALE – L’Agenzia delle Entrate fornisce una precisazione importante nella pagina dedicata alle FAQ: la regola in base alla quale la dichiarazione di esenzione va presentata di anno in anno riguarda la detenzione dell’apparecchio tv, non la comunicazione dell’addebito sulla bolletta di un altro componente della famiglia anagrafica. Questa, va presentata una sola volta, e poi eventualmente quando vengono meno i requisiti precedenti dichiarati (ad esempio, perché il componente a cui veniva addebitato il canone non fa più parte della famiglia anagrafica).

Infine, chi attiva l’utenza elettrica nel corso dell’anno ma non ha il televisore, deve a sua volta presentare la richiesta di esonero, entro la fine del mese successivo a quello di attivazione della fornitura di energia.

Leggi anche:
Canone Rai, chi non paga rischia il carcere
Canone Rai, il modello da compilare per non pagare
Il canone Rai in bolletta costerà ben più di 100 euro
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il Canone Rai
Canone Rai, la data ultima per non pagarlo con un’autocertificazione
Le 20 isole che non avranno il canone Rai in bolletta
Canone Rai, l’ultima beffa: si pagherà due volte
Canone Rai in bolletta: sarà la residenza a decidere chi paga
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il canone Rai

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Canone Rai: dal 4 aprile si potrà chiedere l’esonero