Canone Rai: c’è il decreto definitivo. Prima rata a luglio

Stanziati 14 + 14 milioni di euro per le aziende elettriche

I ministeri dell’Economia e dello Sviluppo Economico hanno inviato all’Autorità per l’Energia e al Consiglio di Stato – per i pareri di rito – il decreto attuativo sull’imposta televisiva. Ci sono le garanzie necessarie per i cittadini in materia di rimborsi e per im contributi alle società elettriche.

IL CONTRIBUTO ALLE SOCIETA’ ELETTRICHE – Era uno dei punti più delicati della questione, visto che le società elettriche non avevano neppure idea di come esigere i pagamenti. Sono dunque previsti 14 milioni nel 2016 ed altri 14 milioni nel 2017. Si tratta di “risorse proprie” dell’Agenzia delle Entrate, che risarciranno le società elettriche per la gestione del canone nella bolletta della luce. L’Autorità per l’Energia deciderà come dividere i 14 milioni tra le diverse società elettriche.

SI PARTE A LUGLIO – L’addebito del canone Rai scatterà dalla prima bolletta elettrica di luglio nella quale si cumuleranno le rate arretrate da 10 euro mensili, a partire da gennaio. Poi il cittadino possessore di una tv pagherà solo 10 euro al mese per un totale di 100 euro. Se però il contratto elettrico nella casa di residenza è intestato a un soggetto diverso dall’intestatario del canone Rai, allora l’Agenzia delle Entrate – spiega il comma 8 dell’articolo 3 – procede alla voltura d’ufficio del canone al titolare del contratto elettrico. Se il cittadino paga parzialmente la bolletta, l’impresa elettrica «provvede a inviare solleciti al cliente», ma se entro l’anno solare successivo il cliente non salda il canone, «le azioni di recupero, sommate a sanzioni e interessi, sono effettuate dall’Agenzia delle Entrate». E comunque «in nessun caso il mancato pagamento del canone Rai – precisa il decreto – comporta il distacco della fornitura di energia elettrica».

ESENTI – Sono esenti dal pagamento del Canone Rai i monitor di videosorveglianza e non pagano il canone gli over 75 che non convivono con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio, che hanno un reddito che sommato a quello del proprio coniuge convivente non supera i 6.713,98 euro annui; i militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato, agenti diplomatici e consolari; gli invalidi degenti in case di riposo e i riparatori e rivenditori tv; i militari delle Forze Armate Italiane, ma in quest’ultimo caso l’esenzione è prevista solo per ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate, mentre la detenzione del televisore all’interno di un alloggio privato, anche se situato dentro le strutture militari, prevede il pagamento del canone. Non pagano il Canone Rai le seconde case anche in caso di immobili in locazione. Esente dal pagamento del canone Rai anche chi non ha in casa un apparecchio tv.

PER NON PAGARE – Per non pagare il Canone, nel caso in cui non si possieda una tv, i contribuenti devono presentare ogni anno un’autocertificazione allo sportello Sat dell’Agenzia delle Entrate. Anche la condizione di esenzione deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate, indirizzando una raccomandata o una email certificata a Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1, Sportello Sat, Corso Bolzano n. 30, 10121, Torino. Posta certificata: DP.1TORINO@PCE.AGENZIAENTRATE.IT. La trasmissione dei dati sugli esenti sarà dunque direttamente trasmessa all’Acquirente Unico in modo da non inserire la quota del canone Rai nella bolletta elettrica.

RIMBORSI – Chi si accorge in ritardo di aver pagato senza motivo (perché non ha il televisore, perché ha più di 75 anni e un reddito familiare di 8000 euro lordi o addirittura inferiore) può chiedere il rimborso. Entro 60 giorni dal varo definitivo del decreto, l’Agenzia delle Entrate dirà come funzioneranno i rimborsi. I tempi per riavere i soldi, in ogni caso, saranno veloci. Se l’Agenzia delle Entrate darà il via libera alla restituzione, l’Acquirente Unico trasmetterà le informazioni – entro 5 giorni – alla società della luce, che ci renderà il denaro alla prima bolletta utile.

Leggi anche:
Le 20 isole che non avranno il canone Rai in bolletta

Canone Rai, l’ultima beffa: si pagherà due volte
Canone Rai in bolletta: sarà la residenza a decidere chi paga
Come pagare la bolletta Enel senza pagare il canone Rai

Canone Rai: c’è il decreto definitivo. Prima rata a luglio