Bonus 80 euro: cosa cambia nel 2016

Il bonus in busta paga è strutturale, ma con delle novità

Il bonus da 80 euro è una misura introdotta nell’anno 2014 con un decreto e poi resa strutturale nel 2015 e dal 2016 con la Legge di Stabilità. Spetta a tutti coloro che hanno un reddito da lavoro dipendente o assimilati (ivi compreso alcune prestazioni Inps). E spetta nella misura di 960 euro annuali ai lavoratori che hanno un reddito complessivo fino a 24.000 euro. Il bonus scende d’importo per coloro che hanno un reddito da 24.000 a 26.000 euro.

Si era parlato in autunno della possibile trasformazione del bonus in semplice detrazione fiscale nell’ambitodella legge di Stabilità, in realtà è rimasto invariato con alcune novità che vediamo di seguito.

A CHI SPETTA
Il bonus 80 euro 2016 è strettamente correlato al reddito e spetta ai cittadini che percepiscono redditi legati al lavoro dipendente o assimilati.
Dunque rientrano tra coloro che hanno diritto al bonus anche:

  • lavoratori che risultano soci di cooperative;
  • lavoratori che percepiscono gli assegni di mobilità o cassa integrazione;
  • lavoratori che risultano disoccupati e che percepiscono indennità di disoccupazione;
  • lavoratori che hanno stipulato contratti a progetto o a tempo determinato;
  • i lavoratori socialmente utili;
  • titolari di assegni legati a formazione professionale o borse di studio,
  • coloro che percepiscono remunerazioni sacerdotali

REQUISITI DI REDDITO
Il bonus 80 euro 2016 spetta solo ai lavoratori dipendenti che percepiscono un reddito annuale lordo che rispetti determinate soglie stabilite dalla legge.
Quindi per poter ottenere l’importo pieno del bonus Renzi, il reddito anno lordo (considerato però al netto rispetto al reddito dell’abitazione principale e delle eventuali indennità percepite, come anticipo del TFR), deve avere un importo:

  • superiore agli 8.000 euro;
  • inferiore ai 24.000 euro.

QUANTO SPETTA
Il bonus 80 euro 2016 è strettamente correlato al reddito complessivo annuo, in base a questo variano quelli che sono gli importi del bonus Renzi.
Per i redditi con un importo che va dagli 8.000 ai 24.000 euro il bonus 80 euro 2016 è pari a 960 euro.
Man mano che il reddito aumenta diminuisce l’ammontare del bonus Renzi, fino ad azzerarsi pian piano una volta superati i 26.000 euro.

NOVITA’ 2016
Per valorizzarne l’impegno e la meritocrazia il Premier Renzi ha promosso e fatto approvare il bonus 80 euro 2016 anche alla categoria dei lavoratori delle Forze dell’Ordine.
Tutte le Forze dell’Ordine italiane avranno diritto, dal 2016, al bonus 80 euro in busta paga, sono dunque incluse:

  • Polizia;
  • Carabinieri,
  • Vigili del fuoco,
  • Esercito,
  • Capitaneria di porto.

Leggi anche:
Fisco: addio a Tasi e canone Rai meno caro, ecco cosa cambia nel 2016
Germania: sì a controllo contanti, addio banconota da 500 euro
Bail in e prelievo forzoso, la lista delle banche più a rischio. Come difendersi
Banche: cosa rischia il correntista col ‘bail in’. E come può difendersi
Il mistero della ‘sparizione’ delle banconote da 500 euro
Monete rare: ecco le lire italiane che valgono una fortuna

 

Bonus 80 euro: cosa cambia nel 2016