L’acquisto della casa in Italia pesa di più. Ecco tutte le tasse

Col 12% del valore dell'immobile, l'Italia è al quinto posto al mondo per i costi di compravendita. Ecco quanto incidono le imposte (e le agevolazioni)

Comprare la casa in Italia costa di più che nella maggior parte dei paesi occidentali. Lo dice l’Ocse – l’organismo che riunisce i paesi più industrializzati – che ha condotto un’indagine sui costi complessivi di compravendita immobiliare nei 34 paesi membri considerando le tasse, le spese di notaio e le tariffe delle agenzie immobiliari. Ne è derivata una “classifica dell’onerosità“: il nostro paese è al 5° posto con costi complessivi pari al 12% del valore della proprietà. L’acquisto di un immobile costa di più solo in Belgio (col 14% del valore), Francia, Grecia e Austria. I paesi più fortunati che chiudono la classifica sono la Danimarca e l’Islanda, con un modesto 4% di spese sul totale.

Secondo l’Ocse il peso di questi costi contribuisce al protrarsi della crisi, e non solo per il mercato immobiliare. Causando infatti una riduzione della mobilità residenziale e indirettamente del lavoro, influenza negativamente anche la ripresa del mercato occupazionale. Per questo – conclude l’Ocse – è necessario che i governi intervengano su questi costi attraverso una revisione del sistema tributario e la liberalizzazione del settore immobiliare.

Le tasse sull’acquisto

Senza entrare nel dettaglio delle eventuali commissioni per l’agenzia immobiliare e della parcella notarile – due variabili che dipendono dal mercato e dai tariffari professionali – il principale onere sull’acquisto di una casa è rappresentato dalle seguenti imposte:

  l’imposta di registro,
  l’imposta ipotecaria,
  l’imposta catastale,
  (eventualmente) l’Iva.

 Il peso fiscale però varia in base a due parametri:

1.  che il venditore sia un privato o un’impresa costruttrice,
2.  che si tratti di una abitazione principale o meno.

Per quanto riguarda il primo parametro, chi acquista un immobile ad uso abitativo (ed eventuali pertinenze: box, cantine ecc.) e “non di lusso” da un privato cittadino, da un’impresa non costruttrice o da un’impresa costruttrice che vende un immobile ultimato da più di 4 anni, deve pagare le imposte di registro, ipotecarie e catastali ma non l’Iva. Questa imposta invece è dovuta se il venditore è un’impresa costruttrice che vende la casa entro i 4 anni dalla fine lavori.

Relativamente al secondo parametro, ecco un confronto tra gli importi per l’acquisto dell’abitazione principale (“prima casa”) o di altra abitazione:

   Prima casa

   Altre abitazioni

Imposta di registro

3% calcolato sul valore catastale e non su quello commerciale
(il vero prezzo d’acquisto dev’essere indicato nel rogito ma non ha rilevanza fiscale)

7%

Imposta ipotecaria

168 euro (importo fisso)

2% del valore catastale

Imposta catastale

168 euro (importo fisso)

1% del valore catastale

Iva (se dovuta)

4% calcolato sul valore d’acquisto (e non su quello catastale)

10%

Parcella
del notaio
riduzione del 30%

nessuna riduzione

Per ottenere le agevolazioni sulla prima casa è necessario:

  essere residenti nello stesso comune dell’immobile acquistato o trasferirvi la residenza entro 18 mesi dall’acquisto;
  non essere proprietari di altri immobili nello stesso comune,
  non avere già usufruito delle agevolazioni “prima casa” per qualsiasi altro immobile su tutto il territorio nazionale.

L’acquisto della casa in Italia pesa di più. Ecco tutte le ...