730 – il 22 Luglio è l’ultimo giorno: aperte delle postazioni della Agenzia delle Entrate

Il modello 730 per la dichiarazione dei redditi dovrà essere precompilato nei prossimi giorni. La scadenza incombe, con l'Agenzia delle Entrate che viene incontro ai ritardatari

Il modello 730 precompilato per la dichiarazione dei redditi scadrà tra pochi giorni, più precisamente il prossimo 22 luglio. Quanti non hanno ancora finito di compilare il documento faranno bene ad affrettarsi, anche se per facilitare loro il compito l’Agenzia delle Entrate ha deciso di istituire delle postazioni speciali. Esse sono indirizzate a tutti coloro che possiedono il PIN per accedere ai servizi online e che hanno avuto delle difficoltà o non sanno come compilare il documento. Lo slittamento del modello è avvenuto lo scorso giugno, prorogando di ulteriori 15 giorni la presentazione online della domanda. Il conto alla rovescia è già iniziato.

Per la compilazione del documento relativo alla dichiarazione dei redditi si potranno pertanto utilizzare vere e proprie postazioni “self service”. Esse si affiancano ai normali strumenti di supporto, come l’assistenza telefonica, il servizio email o ancora la messaggistica mobile, che rimangono comunque pienamente operative. Nel caso in cui il modello 730 precompilato è già stato inviato e ci si accorge di aver commesso qualche errore nell’inserimento dei dati, il servizio di assistenza fornito dall’Agenzia delle Entrate non sarà tuttavia valido. Chi non è sicuro farà bene a rivolgersi agli sportelli messi a disposizione dall’azienda pubblica.

Per conoscere le postazioni più vicine a casa è possibile consultare la lista presente sul sito di Agenzia delle Entrate. Esse sono presenti in tutte le grandi città, dalla sabauda Torino alla capitale Roma, e pure nei principali capoluoghi di provincia. Tutti coloro che devono ancora terminare la procedura di compilazione del modello devono inoltre precisare il loro indirizzo di posta elettronica, previo il mancato completamento del 730. Coloro che hanno presentato il modello senza sostituto d’imposta devono pure indicare il codice IBAN, in modo da ricevere il rimborso dall’Agenzia.

Detto di quanti non possono correggere il modello 730 una volta inviato, per essi permane comunque il rimborso attraverso il sostituto d’imposto. Il modello Unico ordinario per la dichiarazione dei redditi che bisogna presentare in questo caso può essere inviato fino al 30 settembre, con una lieve sanzione economica a carico dei contribuente. Nel caso in cui si sforasse pure questa data c’è infine la possibilità di inviare un integrazione del proprio documento precompilato, entro il 31 dicembre successivo al quarto anno.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

730 – il 22 Luglio è l’ultimo giorno: aperte delle postaz...