730/2014, la dieta è detraibile. Nuove precisazioni dalle Entrate

Una circolare dell'Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alle spese sanitarie detraibili e al Bonus mobili

Con i chiarimenti contenuti nella circolare dell’Agenzia delle Entrate (n. 11/E, 2014) riguradanti, tra gli altri, anche le spese sanitarie detraibili scopriamo che è possibile… mettere a dieta il 730.

NUTRIZIONISTA SI’
L’Agenzia ha infatti confermato lo sconto fiscale per le spese sostenute dal biologo nutrizionista, detraibili alla stregua delle altre spese sanitarie, nel "quadro E" del modello 730 e dichiarabili tra le spese per le quali spetta la detrazione d’imposta del 19%.
Il ministero, interpellato dall’Agenzia, ha precisato che la figura del biologo nutrizionista, pur non equiparato alla figura del medico e del dietista "può autonomamente elaborare e determinare diete nei confronti di soggetti sani, al fine di migliorarne il benessere e, solo previo accertamento delle condizioni fisio-patologiche effettuate dal medico chirurgo, a soggetti malati". "In considerazione dei chiarimenti forniti dal Ministero della Salute, si ritiene che le spese sostenute per visite nutrizionali, con conseguente rilascio di diete alimentari personalizzate, eseguite da biologi, siano detraibili".
Ai fini della detrazione, dal documento di certificazione del corrispettivo rilasciato dal biologo dovranno risultare la specifica attività professionale e la descrizione della prestazione sanitaria resa, mentre non è necessaria la prescrizione medica,nell’ottica della semplificazione degli adempimenti fiscali per i contribuenti.

OSTEOPATA NO
Diversamente da quanto avviene con il nutrizionista, le visite dall’osteopata non possono ancora essere "scaricate" dall’importo dovuto al Fisco.
Riporta a riguardo la circolare delle Entrate "…a tutt’oggi la figura dell’osteopata non è annoverabile fra le figure sanitarie riconosciute, il cui elenco è disponibile sul sito istituzionale del Ministero stesso. Il predetto Dicastero ha precisato, altresì, che, in attesa di un eventuale riconoscimento normativo, le attività che in altri Paesi sono svolte dall’osteopata afferiscono in Italia alle professioni sanitarie. In considerazione del parere fornito dal Ministero della Salute, si ritiene che le prestazioni rese dagli osteopati non consentano la fruizione della detrazione e che le
spese per prestazioni di osteopatia, riconducibili alle competenze sanitarie previste per le professioni sanitarie riconosciute, sono detraibili se rese da iscritti a dette professioni sanitarie."
 

 BONUS MOBILI
i chiarimenti con cui l’Agenzia delle Entrate risponde ai quesiti posti dai Centri di assistenza fiscale sulla compilazione della dichiarazione dei redditi per il 2014 riguardano anche il cosiddetto Bonus mobili.
Via libera agli sconti fiscali anche per chi ha acquistato da un’impresa straniera tramite bonifico internazionale. Ammesse alla detrazione le spese per ristrutturazioni edilizie anche quando sono effettuate tramite una società finanziaria. Sono salve, inoltre le detrazioni per interventi di recupero edilizio e risparmio energetico in caso di scambi di riferimen ti normativi per errori materiali nella compilazione del bonifico.
Bonus mobili anche per i contribuenti che effettuano lavori di manutenzione straordinaria su impianti tecnologici di singoli immobili per ottenere risparmi energetici. La fruizione del beneficio non spetta, invece, per la realizzazione di posti auto di pertinenza dell`abitazione, perché la detrazione è valida soltanto in caso di ristrutturazione di immobili già esistenti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

730/2014, la dieta è detraibile. Nuove precisazioni dalle Entrate