Vlahovic ancora in gol, asta milionaria per acquistarlo: quanto costa

Il centravanti della Fiorentina è tornato a segnare anche nella partita di domenica pomeriggio contro il Bologna: diversi club sono disposti a tutto per lui

Dusan Vlahovic è tornato a colpire, ancora una volta. È accaduto nella giornata di domenica, all’ora di pranzo, nella partita che la Fiorentina ha disputato contro il Bologna allo stadio “Renato Dallara”, nel capoluogo emiliano. La squadra viola si è imposta con il punteggio di 3 a 2, tornando ad occupare il quinto posto in classifica e confermandosi come vera rivelazione di questo inizio di campionato.

Tra i punti fermi della squadra allenata da Vincenzo Italiano c’è sicuramente il centravanti serbo, che contro il Bologna ha segnato la rete del momentaneo 3 a 1. Per lui si tratta del gol numero 13 nelle prime sedici giornate. Vlahovic guida la classifica marcatori di Serie A (con 5 rigori), a pari merito con l’attaccante della Lazio e della Nazionale Ciro Immobile (per lui 3 rigori).

Ma i numeri spaventosi del serbo non finiscono qui, non si fermano all’Italia e lo proiettano direttamente ai massimi livelli del calcio europeo: infatti le sue marcature complessive nell’anno 2021 sono ben 30, dato che lo proietta al secondo posto assoluto nei top 5 campionati, alle spalle del solo Robert Lewandowski (incredibili i suoi 40 gol con il Bayern Monaco).

Anche nella storia della Fiorentina, per trovare dati simili (ad un’età così precoce, è un classe 2000) bisogna tornare indietro di oltre sessant’anni: l’ultimo calciatore under 22 a segnare così tanto è stato Antonio Angelillo nel lontano 1958.

Dall’Italia all’Europa, quante pretendenti

Era dunque inevitabile – a meno di un mese dall’inizio della sessione invernale di calciomercato – che sul cartellino del giocatore si scatenasse una vera e propria asta. Sono molti i top club italiani ed europei a pensarci, ma alla fine solo alcuni di essi sembrano davvero intenzionati ad aprire una trattativa.

In Italia hanno espresso interesse Milan, Inter e Juve, ma solo i bianconeri sembrano fare sul serio (forti anche delle preferenze del giocatore). In Europa ne parlano tutti, dalla Premier League alla Bundesliga, fino alla Liga e alla Ligue One, ma fino ad oggi di offerte chiare su cui discutere – stando a quanto scritto dalle testate locali – ne sarebbero arrivate soltanto due.

La prima sarebbe pervenuta da parte dei londinesi dell’Arsenal, che avrebbero fatto pervenire alla dirigenza della Fiorentina un’offerta molto alta – pari ad 80 milioni di euro – per poterlo avere subito a gennaio. Dopo pochi giorni sarebbe stato il Tottenham di Antonio Conte a farsi sotto, proponendo alla viola 70 milioni di euro, con la possibilità per Vlahovic di rimanere a Firenze fino al termine della stagione.

La volontà del giocatore e il nodo del rinnovo

Una situazione apparentemente idilliaca per la squadra viola. Ma ci sono due fattori che condizionano la situazione per il presidente Rocco Commisso e la sua società. Il primo riguarda il contratto di Vlahovic, in scadenza tra un anno e mezzo (giugno 2023). L’agente dell’attaccante per ora ha rifiutato tutte le offerte arrivate al suo assistito, con la volontà di tenersi le mani libere da vincoli temporali futuri.

Il secondo riguarda la volontà di Vlahovic. Secondo le indiscrezioni il serbo avrebbe già da tempo un accordo con la Juventus, destinazione gradita perché permetterebbe al ragazzo di non cambiare campionato. Ma i bianconeri, anche alla luce degli ultimi fatti giudiziari, non sembrano in grado di potersi permettersi un investimento di questa portata.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vlahovic ancora in gol, asta milionaria per acquistarlo: quanto costa