Il Palermo diventa arabo: i numeri del City e dello sceicco Mansour

Il nuovo proprietario del Palermo possiede già altre 10 squadre oltre al Manchester City, e che vuole esportare un modello di business calcistico anche in Italia

Il Palermo Calcio avrà un nuovo proprietario: il City Football Group. La società d’investimento dello sceicco di Abu Dhabi Mansour ha acquistato a inizio luglio, per 13 milioni di euro, l’80% del Palermo Football Club, società proprietaria della squadra di calcio rosanero, promossa in Serie B nell’ultima stagione.

Il restante 20% resterà all’attuale socio unico Hera Hora di Dario Mirri, che rimarrà presidente del consiglio di amministrazione. Il nuovo amministratore delegato del club Palermitano sarà Giovanni Gardini, già dirigente di Verona e Inter, che ha portato avanti la trattativa per il City Group. Mirri ha acquistato la squadra quando era in Serie D portandola in pochi anni in Serie B, con una vittoria ai play-off contro il Padova.

Ci sono voluti mesi per portare a termine l’operazione. La trattativa tra il City Football Group e Dario Mirri è andata avanti dall’11 maggio scorso, quando i rappresentanti del City hanno avvicinato per la prima volta il presidente. Dopo aver abbozzato un accordo è stato fissato un budget per sette anni, a prescindere dalla categoria in cui giocherà il Palermo (qui vi abbiamo parlato dei giocatori della serie A che valgono di più).

La holding dello sceicco Mansour nuova proprietaria del Palermo

Fondato nel 2013 da Ferran Soriano, ex vicepresidente del Barcellona e oggi amministratore delegato del Manchester City, il gruppo – che secondo alcune valutazioni di mercato vale circa 4 miliardi di euro – prende il nome dal Manchester City Football Club, la squadra più importante del portafoglio della holding.

Il 77% del gruppo è di proprietà della Newton Investment and Development, società con sede ad Abu Dhabi che fa capo allo sceicco Mansour. Il 14,54% delle quote appartiene agli americani di Silver Lake e l’8,34% ai cinesi di China Media Capital (qui trovate le squadre che hanno speso di più per il calciomercato).

Tutte le squadre del City Football Group

Il Palermo e il Manchester City non sono le sole squadre possedute dal gruppo. Con l’acquisto del Club rosanero salgono a 12 le società sportive controllate dagli arabi del City Group in tutto il mondo.

Si tratta del club australiano Melbourne City Australia, il Girona in Spagna, Yokohama Marinos in Giappone, il New York City Footbal Club negli Usa, il Montevideo City Torque in Uruguay, la squadra cinese Sichuan Jiuniu, il Lommel in Belgio, il Troyes in Francia, l’indiana Mumbai City e il Club Bolivar in Bolivia.

Il modello di business del Manchester City

Alla base delle acquisizioni portate avanti dal fondatore Soriano c’è l’intento di creare una realtà mondiale del business del calcio, cominciando a diffondere, dall’Inghilterra al resto del mondo, un vero modello di gestione calcistica.

Questo schema ha degli asset prestabiliti esportati in ogni Paese: creare un branding riconoscibile, far crescere tecnicamente i calciatori, portare avanti una cooperazione tra i club con lo scambio di esperienze, sviluppare il calcio femminile e gli e-sport.