Milan, ecco il tesoretto Champions: servirà per il rinnovo di Leao?

Dopo l’approdo agli ottavi di finale di Coppa, i rossoneri sono alle prese con il contratto dell’attaccante portoghese: nel frattempo però testa al campionato

Come spesso accade anche ai club più illustri e titolati del panorama calcistico internazionale, in un periodo in cui tutto sembra andare a gonfie vele c’è sempre qualche piccola questione che (in maniera più o meno rilevante, soprattutto dal punto di vista mediatico) costringe le proprietà e i dirigenti a non sedersi sugli allori.

Questo è ciò che sta accadendo al Milan nell’ultimo periodo. Nonostante il passaggio del turno in Champions League (conquistato con una partita di anticipo grazie allo 0-4 rifilato alla Dinamo Zagabria) e un avvio di campionato in linea con gli ottimi risultati della scorsa stagione, vive un sentimento di preoccupazione che lo accompagna da diverse settimane.

Milan, la grana Rafael Leao dopo il successo in Champions League: il portoghese vuole rinnovare?

La questione riguarda il rinnovo del contratto di Rafael Leao, un ragazzo che è divenuto il simbolo della conquista dello scudetto 2021/2022. Nato nel giugno del 1999 nella cittadina di Almada, in Portogallo, ma proveniente da una famiglia di origini angolane, il funambolico attaccante rossonero ha conquistato il cuore dei tifosi con una crescita costante e poderosa che lo ha portato ad essere uno dei pezzi più pregiati d’Europa.

Acquistato dai francesi del Lille nell’estate del 2019, Leao ha ribaltato lo scetticismo iniziale nei suoi confronti (veniva considerato alterno e poco affidabile) a suon di gol e assist. Dotato di una prestanza fisica fuori dal comune – cosa che gli permette di scattare in velocità come i migliori corridori professionisti – e di una capacità di dribbling mozzafiato, ha contribuito in maniera determinante ai recenti successi del Milan, squadra in cui è rimasto nonostante i corteggiamenti dei top club europei durante la scorsa sessione di calciomercato.

Tra la Champions e il rinnovo di Leao, i rossoneri ripartono dalla Serie A: dove vedere Torino-Milan in TV

Ed è proprio la sua permanenza in Italia a preoccupare i vertici rossoneri. Il contratto di cinque anni che lo lega al Milan andrà in scadenza nel giugno del 2024: lo sanno bene i dirigenti Paolo Maldini e Frederic Massara, che stanno facendo di tutto per prolungarlo. La prospettiva, infatti, è quella che il portoghese si ritrovi alla fine del campionato in corso con solamente un anno ancora da rispettare: a quel punto, la sua forza nelle trattative per il rinnovo aumenterebbe per il timore del club di perderlo a zero dopo dodici mesi.

La sua richiesta per prolungare il matrimonio col Milan è quella di aumentare il proprio ingaggio dagli attuali 2 milioni l’anno ad una cifra attorno ai 6 milioni di euro a stagione. Il presidente rossonero, l’americano Jerry Cardinale, pare intenzionato a soddisfarlo, soprattutto dopo l’approdo della squadra agli ottavi di finale di Champions League: un traguardo che a Milanello mancava dalla stagione 2013/2014 e che porterà nelle casse della società circa 20 milioni di euro tra premi, sponsor e ricavi delle partite.

Nel frattempo però i ragazzi di Stefano Pioli devono pensare alla Serie A: l’appuntamento (trasmesso in esclusiva da DAZN) è per domenica sera, quando la squadra sarà impegnata in trasferta contro il Torino nel posticipo della dodicesima giornata. Calcio d’inizio alle ore 20:45.