Inter, mercato in fiamme: offerta choc per Skriniar, pronto Milenkovic?

Il PSG ha messo sul piatto una cifra monstre per il difensore nerazzurro, incontrando però le resistenze di Inzaghi: il sostituto sarebbe il centrale serbo

Sono ore bollenti per quanto riguarda il mercato dell’Inter, alla ricerca di nuovi colpi in entrata per rafforzare l’organico in vista della prossima stagione: nella giornata di venerdì (10 giugno) il direttore sportivo Piero Ausilio è volato a Londra, ufficialmente per sondare lo stato di alcune possibili trattative in uscita con diverse squadre inglesi. Ma le reali motivazioni del viaggio Oltremanica pare siano altre.

Inter alla ricerca di un difensore: il timore di perdere Skriniar

Stando a quanto riportato da diversi portali online, il dirigente nerazzurro avrebbe varcato le porte della City per un incontro lampo con Fali Ramadani, tra i più potenti procuratori del calcio europeo, nonché agente di Nikola Milenkovic, difensore serbo della Fiorentina, oggetto dei desideri di molti club europei dopo il finale di campionato in grande crescita (culminato con la conquista della Conference League) agli ordini di mister Vincenzo Italiano.

Il contratto in scadenza con la Viola nel 2023 potrebbe già fare il resto, se non fosse che dietro questa accelerata di Piero Ausilio per il serbo ci sarebbe il timore di perdere una colonna portante del reparto difensivo dell’Inter, ossia quel Milan Skriniar che ha visto una maturazione costante nelle prestazioni e nelle personalità sia durante la stagione appena conclusa, sia in quella precedente con Antonio Conte in panchina e la conquista dello Scudetto.

L’offerta del PSG e la risposta di Piero Ausilio

Infatti, nelle stesse ore del viaggio a Londra, il direttore sportivo della Beneamata avrebbe respinto l’assalto del Paris Saint-Germain per il difensore slovacco. Il club di proprietà di Tamim bin Hamad al-Thani, sceicco del Qatar e tra gli uomini più ricchi del pianeta, avrebbe messo sul piatto ben 50 milioni di euro per strappare il sì dei nerazzurri. Proposta che lo stesso Ausilio avrebbe rispedito al mittente, chiarendo come non vi siano margini di manovra con offerte al di sotto di 80 milioni di euro.

Ma il timore che il patron parigino possa mettere mano al portafoglio e accontentare le richieste della controparte sono assolutamente fondate, vista la disinvoltura con cui ha investito capitali sempre maggiori nel corso di questi anni. E così dalle parti di Milano hanno pensato bene di iniziare a guardarsi attorno, con l’obiettivo di non farsi trovare impreparati nel caso di una nuova offerta irrinunciabile da Parigi.

Inter, le piste di mercato in caso di partenza di Skriniar

Oltre al difensore viola, nella lista delle alternative possibili a costi relativamente contenuti ci sarebbe anche Gleison Bremer, vera e propria rivelazione della Serie A con la maglia del Torino. Seguendo le indicazioni del mister Ivan Juric, il difensore brasiliano ha sfoderato una serie di prestazioni davvero esaltanti e la società nerazzurra avrebbe intenzione di tesserarlo anche in caso di permanenza di Skriniar.

In questo caso l’ostacolo maggiore non sarebbe quello della controparte (la squadra di Urbano Cairo pare essersi rassegnata a perderlo durante la sessione estiva), quanto la forte concorrenza: sul suo nome infatti ci sarebbero diverse sirene italiane (si parla del Milan), ma anche europee, con Totthenam e Arsenal che avrebbero manifestato un interesse concreto per togliergli la maglia granata.