Chi è Mino Raiola, procuratore milionario: quanto guadagna

Dopo la notizia della sua morte, poi smentita, si sono riaccesi i riflettori sull'agente calcistico Mino Raiola: ecco il suo patrimonio

I riflettori sono puntati su Mino Raiola, dopo la notizia – poi smentita – della sua morte. Il suo nome potrebbe non essere particolarmente conosciuto al di fuori dei circoli calcistici, ma per i fan del pallone si tratta di una vera celebrità. È stato il procuratore sportivo infatti a muovere i fili di alcune delle negoziazioni più costose del calcio a livello internazionale, attirando a sé anche forti critiche e finendo al centro di alcune inchieste.

Chi è Mino Raiola: procuratore sportivo e imprenditore di successo

All’anagrafe Carmine Raiola, l’agente è nato a Nocera Inferiore nel 1967, ma si è trasferito da giovanissimo nei Paesi Bassi, insieme alla famiglia. Dopo una breve carriera in campo, con le giovanili dell’Haarlem, a soli 20 anni è diventato responsabile del settore giovanile del club.

In breve è diventato un imprenditore di successo, acquistando prima un locale di una nota catena di fast food e poi aprendo la sua prima società di intermediazione. In seguito ha inizio a rappresentare all’estero i giocatori olandesi. La svolta è arrivata con il mandato di agente FIFA, che gli ha permesso di abbandonare le altre attività.

Negli anni è diventato il rappresentante di alcuni dei nomi più noti del calcio, come Pavel Nedved, Lorenzo Insigne, Mario Balotelli e Zlatan Ibrahimovic, finendo anche al centro delle polemiche per le clausole fatte firmare dalle squadre per garantirgli compensi milionari.

Come sta Mino Raiola: le condizioni di salute e le notizie sulla morte

Le condizioni di salute di Mino Raiola sono state dibattute dalla stampa specialistica dopo un intervento a gennaio 2022 al San Raffaele di Milano a causa di una patologia polmonare non legata al Covid-19. Si è trattato in quell’occasione di un’operazione programmata e non d’urgenza.

Dopo un secondo ricovero, il 28 aprile è stata riportata da diversi giornali la notizia della sua morte, a cui ha prima risposto lo staff di medici dell’ospedale meneghino e dopo lo stesso Mino Raiola, via Twitter.

Il procuratore si è detto amareggiato per l’ennesima fake news sulle sue condizioni di salute, strappando poi una risata ai suoi ammiratori spiegando di “essere in grado di resuscitare“. L’agente starebbe comunque attraversando un periodo difficile, come confermato dall’anestesista Alberto Zangrillo, che ha dichiarato che il 55enne “sta combattendo”.

Quanto guadagna Mino Raiola: il patrimonio milionario del procuratore

Mino Raiola è stato nella top tre dei procuratori sportivi più pagati al mondo, anche se nel 2020 è stato scalzato dal podio, come riporta la classifica annuale stilata dalla rivista specializzata Forbes, realizzata in base alle commissioni incassate. In quell’anno i migliori agenti hanno chiuso contratti per quasi 34 miliardi di euro, con commissioni di oltre 1,5 miliardi.

Gli ultimi dati di Forbes si fermano a quell’anno, con Mino Raiola al quarto posto della lista di quell’anno. Con l’agenzia che porta il suo nome e 77 calciatori nell’elenco dei clienti, l’agente dei record ha chiuso contratti per oltre 847 milioni di euro, incassando il 10%, dunque almeno 84,7 milioni di euro.

Vi abbiamo già parlato qui degli scandali e della carriera di Mino Raiola. Attorno al mondo del pallone, è risaputo, ci sono cifre folli di denaro. Qua quanto guadagnano i procuratori calcistici. Sapete chi prende gli stipendi più alti in Italia? Esclusi sportivi e artisti, qui la classifica i lavori più pagati.