Milan, con De Ketelaere il mercato decolla: i colpi dell’ultimo mese

Maldini e Massara hanno ufficializzato l’arrivo del centrocampista belga: ora i rossoneri andranno a caccia di qualche colpo last minute per completare la rosa

Dopo settimane di tira e molla, offerte e controfferte, viaggi in Belgio e riunione fiume in streaming, nel fine settimana la telenovela tutta italiana del calciomercato 2022 è arrivata all’epilogo che tutti si auspicavano: Charles De Ketelaere, trequartista belga del Bruges, classe 2001, è diventato ufficialmente un nuovo giocatore del Milan.

A darne l’annuncio è stata direttamente la società rossonera, che tramite un comunicato diffuso sul proprio sito e sui canali social ha espresso grande soddisfazione per un affare che ha avuto diversi momenti critici, nonostante tutti gli attori sulla scena avessero da tempo espresso l’interesse di condurlo in porto.

Milan, si sblocca la trattativa per Charles De Ketelaere: tutti i numeri dell’affare

Primo tra tutti lo stesso calciatore, che aveva trovato l’accordo con il suo nuovo club già a inizio luglio sulla base di un contratto quinquennale: De Ketelaere percepirà uno stipendio lordo di 2,3 milioni di euro a stagione, sta atterrando a Milano in queste ore assieme alla madre e si è messo subito a disposizione di mister Stefano Pioli, che assieme alla squadra è reduce dal ritiro austriaco di Klagenfurt ed rientrato in Italia nel primo pomeriggio di sabato.

A spianare la strada per la buona riuscita dell’acquisto sono stati soprattutto i dirigenti Paolo Maldini e Riccardo Massara, che hanno svolto un lavoro paziente e misurato, fatto di piccoli rilanci economici per giungere finalmente alla firma dell’accordo e regalare così all’allenatore un calciatore di indiscussa qualità, ma anche di grande prospettiva. C’è chi – per le movenze in campo e le doti tecniche – lo ha già paragonato a Kakà: un’eredità pesante quella del brasiliano, che il belga dovrà onorare al meglio fin dall’esordio in campionato, in programma il prossimo 13 agosto alle ore 18:30 contro l’Udinese.

Charles De Ketelaere in arrivo a Milano: quanto hanno speso i rossoneri per strapparlo al Bruges

Non è stato un investimento indolore quello sostenuto dal nuovo presidente americano Jerry Cardinale: la sua prima spesa da quando ha rilevato le quote del Milan è stata di 32 milioni di euro, a cui ne vanno aggiunti altri 3 di bonus legati alle prestazioni sia individuali che di squadra.

In una finestra di mercato particolarmente complicata per i rossoneri, i tifosi sperano comunque di vedere qualche altro colpo in entrata entro la fine delle trattative, fissata per giovedì 1° settembre. Anche perché le dirette concorrenti per lo scudetto – Juve e Inter su tutti – hanno rafforzato i rispettivi organici con innesti importanti e la lotta per difendere lo scudetto pare oggi più agguerrita che mai.

Milan, adesso cosa succede? Le trattative di agosto prima della chiusura del mercato

In virtù di questo, il club di Milanello sta lavorando su alcuni profili di assoluto prestigio che (pur con un budget limitato) potrebbero diventare nomi molto caldi nei prossimi giorni. In cima alla lista c’è Japhet Tanganga, difensore inglese del Tottenham, che andrebbe a rimpiazzare Alessio Romagnoli (ceduto alla Lazio), in attesa di Simon Kjaer ancora a mezzo servizio.

Per lo stesso ruolo circola molto anche il nome di Eric Baily, ivoriano del Manchester United, mentre in mezzo al campo rimane viva la pista che porta a Renato Sanchez, portoghese del Lille, a cui però è interessato da tempo anche il ricchissimo Paris Saint-Germain.