Apple mette le mani sulla Serie A: accordo in vista con queste squadre

Durante la recente visita di Tim Cook a Napoli, il CEO di Apple ha incontrato Aurelio De Laurentiis per parlare dei diritti TV della squadra partenopea

In questi anni di grandi cambiamenti nel settore delle piattaforme online, il mondo del calcio italiano sta vivendo una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda la questione dei diritti TV. Sono lontani i tempi in cui, con un solo abbonamento, milioni di appassionati potevano gustare tutte le partite di Serie A. Parliamo di oltre dieci anni fa, quando era sufficiente installare un unico decoder, quello fornito da Sky (che all’inizio si chiamava ancora Tele+) in seguito alla sottoscrizione del contratto.

Da quel preciso momento, donne e uomini di ogni parte d’Italia avevano garantito l’accesso a tutto il palinsesto comodamente seduti sul divano di casa tramite l’uso del relativo telecomando universale. Per chi invece desiderava non spendere soldi per guardare le partite, l’appuntamento era quello classico della Rai con la Domenica Sportiva, programma che trasmetteva tutti gli highlights provenienti dai campi di gioco.

La rivoluzione dei diritti TV nel mondo del calcio: Apple trasmetterà le partite di Serie A?

Negli ultimi tempi la situazione è cambiata radicalmente. Le emittenti private sono diventate le vere regine del sistema calcistico, condizionando la stesura dei calendari e imponendo gli orari di svolgimento dei singoli match. Gli attori in campo (letteralmente) sono diventati molti di più e oggi le famiglie italiane che desiderano fruire del grande calcio hanno l’obbligo di firmare diverse tipologie di abbonamenti con un numero sempre maggiore di piattaforme.

Questo è ciò che accade nel nostro Paese già da diverso tempo. L’anno scorso ad esempio era necessario essere abbonati sia a DAZN che a Sky per vedere tutte le 10 partite in programma ogni giornata. Da quest’anno l’esclusiva è tutta solo di DAZN, con Sky che ha mantenuto i diritti per sole 3 partite ogni weekend da trasmettere in contemporanea. Ma, ad esempio, per vedere alcuni incontri della UEFA Champions League con protagoniste le squadre italiane occorre sintonizzarsi su Amazon Prime (di cui vi abbiamo dato tutte le informazioni su come vedere gratis i nostri club impegnati in Europa).

Tim Cook in Italia: il CEO di Apple vuole acquistare i diritti della Serie A?

In un quadro così variegato, c’è una nuova piattaforma che pare in procinto di unirsi nella spartizione degli accordi per la trasmissione della Serie A. Stiamo parlando di Apple TV+, il canale della multinazionale americana che già da qualche anno ha deciso di investire nel mondo dei diritti sportivi. La notizia ha iniziato a circolare in occasione della visita in Italia di Tim Cook, l’amministrazione delegato unico di Apple, che all’Università Federico II di Napoli ha ricevuto una Laurea honoris causa.

I potenziali interessi del CEO statunitense andrebbero verso una collaborazione proprio con il club partenopeo del presidente Aurelio De Laurentiis. In un colloquio riservato, i due avrebbero posto le basi per la trasmissione delle partite del Napoli in esclusiva su Apple TV+ per il periodo 2024-2027. Il tutto nei giorni in cui la Lega Calcio ha approvato le linee guida proprio per l’assegnazione dei diritti del prossimo triennio. La prospettiva, dunque, è quella che si vada verso un’ulteriore frammentazione del pacchetto TV del nostro campionato, con il conseguente disorientamento sempre maggiore degli utenti.