Chi deve pagare la Tari (e chi è esonerato)

Chi deve pagare la Tari? Ecco una guida semplice e completa per capire quali soggetti devono versare questo tributo riguardante i rifiuti

Chi deve pagare la Tari? La tassa dei rifiuti è in vigore dal 1 gennaio 2014, quando ha sostituito i precedenti tributi previsti dalla legge per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti (Tarsu, Tia e Tares). Tale imposta fa parte dell’Iuc (Imposta unica comunale), che include anche Imu (Imposta municipale propria) e Tasi (Tributo per servizi indivisibili) e viene riscossa dall’amministrazione comunale. Per questo motivo l’importo varia a seconda del comune e comprende una quota fissa e una variabile. La prima viene calcolata a seconda della superficie dell’immobile che viene tassato, la seconda invece dipende dalla quantità di spazzatura che viene prodotta, per questo è legata al numero di componenti del nucleo familiare.

Secondo la normativa è tenuto al pagamento della Tari “chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani”. Il principio applicato è quello secondo cui “chi inquina paga”. La tassa dunque è a carico dell’utilizzatore dell’immobile. Nel caso di un’abitazione in affitto ad esempio saranno gli affittuari a dover pagare la tassa sulla spazzatura, mentre se l’immobile è occupato l’immobile è occupato per meno di sei mesi, il tributo dovrà essere versato dal proprietario. In caso di pluralità di possessori o detentori, tutti saranno obbligati al pagamento della Tari, mentre per il comune è indifferente chi compie il versamento. Nelle multiproprietà invece il soggetto che dovrà pagare l’imposta sarà colui che gestisce i servizi comuni.

Quando è che non si paga la Tari? Esistono alcuni casi in cui il comune può scegliere di non richiedere il tributo. Ad esempio nelle aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali che sono già soggetti alla tassazione, nelle aree comuni del condominio (androni, cortili, parcheggi), in locali che non possono autonomamente produrre rifiuti (balconi, terrazze, cantine, solai) e per gli immobili rimasti inoccupati nel periodo d’imposta.

Chi deve pagare la Tari (e chi è esonerato)
Chi deve pagare la Tari (e chi è esonerato)