Speciale lavorare all estero ministero lavoro

Un’esperienza all’estero, di lavoro e/o formativa, è un’opportunità di crescita professionale e personale. Il nuovo progetto Erasmus+, il programma di Agenzia Giovani, il Servizio Volontario Europeo o il soggiorno alla pari sono pensati per fornire la possibilità di approfondire le nostre conoscenze e imparare lavorando in contesti differenti rispetto a quelli a cui siamo abituati.
 
Per cercare e offrire lavoro in Europa, nel 1993 nasce Eures (European Employment Services), la rete dei servizi pubblici per l’impiego europei, che fornisce gratuitamente servizi d’informazione e consulenza per la mobilità professionale europea. L’Unione Europea ha, infatti, riconosciuto il diritto al futuro a tutti i suoi cittadini, abbattendo le frontiere e sancendo il principio della libertà di circolazione dei lavoratori, facendo della mobilità uno dei suoi capisaldi.
Eures si rivolge a tutti coloro, cittadini, lavoratori e datori di lavoro, che vogliono aprirsi al mercato del lavoro europeo, con uno sguardo particolare ai giovani, in un quadro di mobilità regolamentata e sicura.

Per tutti coloro che intendono, invece, fare un’esperienza di lavoro in un Paese extra-UE, esiste un’apposita lista degli italiani all’estero, a cui ci si iscrive direttamente da  Cliclavoro, dalla quale attingono le aziende intenzionate a trasferire i propri lavoratori o assumerne di nuovi presso le proprie sedi estere, direttamente consultando i dati degli iscritti alla lista.

Per raccogliere e divulgare tutte le opportunità disponibili il Ministero del Lavoro è sbarcato su internet con Cliclavoro.gov.it,  il portale che informa su tutte le novità in termini normativi, contratti e bandi, sulle iniziative a sostegno della formazione e mette a disposizione un motore di ricerca per trovare l’occasione lavorativa più adatta.