Modello 730, le nuove scadenze e i vantaggi

Prorogate le scadenze per la consegna del 730, la dichiarazione per dipendenti e pensionati. Crediti e debiti d'imposta regolati direttamente in busta paga

pippo Era prevedibile. Nel modello 730 di quest’anno debuttano due novità piuttosto grosse, la cedolare secca per gli affitti e l’Imu, la nuova imposta sugli immobili che sostituisce l’Ici, due adempimenti che "complicano" la dichiarazione. Quanto basta per giustificare una proroga delle scadenze, appena approvata dal governo.

Ecco le nuove date da tenere presente:

•  16 maggio (anziché 30 aprile): termine di consegna se il 730 viene presentato al datore di lavoro o all’ente previdenziale. Entro il 15 giugno (prima era 31 maggio) l’azienda o l’ente devono restituire al contribuente una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione modello 730-3, con l’indicazione delle trattenute o rimborsi che saranno effettuati;

•  20 giugno (anziché 31 maggio): termine di consegna se il 730 viene presentato al Caf (centro di assistenza fiscale) o al professionista abilitato (commercialista ecc.). Il Caf o il professionista devono restituire al contribuente entro il 2 luglio (prima 15 giugno) la copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione.

I vantaggi della dichiarazione semplice

Il 730 è una dichiarazione per molti ma non per tutti: i vantaggi sono riservati ai lavoratori dipendenti e ai parasubordinati (lavoratori a progetto, Cococo), ai pensionati, ai soci di cooperative e ad altre ristrette categorie.

Dipendenti, parasubordinati e pensionati hanno già ricevuto dal proprio datore o ente previdenziale il Cud 2012, ovvero la certificazione dei redditi corrisposti nel 2010 (il termine di consegna era il 28 febbraio). Se non ci sono altri redditi da dichiarare né spese da detrarre (nel primo caso è un obbligo, nel secondo una facoltà) il contribuente non è tenuto a fare altro, cioè non è obbligato a presentare il 730 o altra dichiarazione. Non è considerato un reddito da dichiarare la prima casa di proprietà.

Per chi lo deve o lo può fare, il 730 può rappresentare una scelta di convenienza perché, se c’è un credito col fisco, non è necessario aspettare i tempi biblici dei rimborsi: i soldi arriveranno nella busta paga  a partire da luglio, per i lavoratori dipendenti, o con la pensione, a partire da agosto o settembre.

Modello 730, le nuove scadenze e i vantaggi
Modello 730, le nuove scadenze e i vantaggi