Carta d’Identità Elettronica: quando è prevista la prima emissione a Bologna?

La carta d'identità elettronica a Bologna sarà disponibile nelle prossime settimane, all'inizio di agosto. Ecco le sue principali caratteristiche e le modalità necessarie per ottenerla

La carta d’identità elettronica arriverà a Bologna nella settimana compresa tra l’1 e il 5 agosto, sul modello di molte altre città italiane. Anche il capoluogo felsineo ha adottato la nuova tecnologia, un progetto che parte da lontano, addirittura dal 1997, ed è volto a snellire sensibilmente le procedure burocratiche e i tempi di consegna del documento. La CIE (carta d’identità elettronica) è già stata consegnata in alcune grandi città, ad esempio la prima emissione a Firenze è stata fissata tra il 18 e il 22 luglio. L’elemento principale delle nuove CIE risiede in un microchip, essenziale per evitare le contraffazioni.

Il Ministero dell’Interno si è già mosso per tempo, dato che l’attivazione della carta d’identità elettronica prevede l’utilizzo di specifici software. Coloro che intendono usufruire della nuova tecnologia devono recarsi negli uffici con la carta d’identità scaduta e fare richiesta della tessera. La carta d’identità elettronica verrà rilasciata dopo circa sei giorni e insieme ad essa verranno consegnati tre codici di riconoscimento. Si tratta nello specifico del PIN, necessario per accedere ai servizi, del PUK e del CIP, utile per il blocco del documento in caso di furto.

L’attivazione della CIE a Bologna segue un iter già portato avanti infruttuosamente nell’ottobre del 2015 e ora nuovamente riproposto. Seppure rimangano alcuni dubbi sulle tecnologie connesse al nuovo documento, è indubbio che la carta d’identità elettronica rappresenti un grande passo in avanti nell’ambito delle procedure amministrative e burocratiche. Gli abitanti di Bologna potranno rinnovare la loro carta ogni dieci anni, nel caso in cui essi siano cittadini maggiorenni. Per i minorenni il momento di rinnovare il documento sarà diverso e avverrà ogni 5 anni.

All’interno della CIE si trovano le principali informazioni relative al proprietario. Oltre a nome, cognome, località di residenza, codice fiscale, data e luogo di nascita, sulla carta d’identità elettronica il cittadino bolognese deve apporre una firma, in modo da rendere valida la documentazione. Il pagamento dei ticket sanitari e delle multe attraverso la CIE è un ulteriore step a cui si guarda nel futuro prossimo e che porterà a una fase evolutiva della carta d’identità elettronica.

Carta d’Identità Elettronica: quando è prevista la prima emiss...