Detrazioni fiscali 730/2018 per studenti con disturbi dell’apprendimento

La legge di Bilancio 2018 (L. 205 del 27 dicembre 2017) prevede una detrazione fiscale per le spese sostenute in favore degli studenti con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA). Cosa prevede il beneficio fiscale? E a chi spetta?

Fisco 7Prima di approfondire gli aspetti fiscali legati alla detrazione concessa dalla legge di Bilancio 2018, è opportuno chiarire quali sono i disturbi specifici dell’apprendimento riconosciuti dalla normativa.

La legge n.170/2010 definisce i disturbi specifici dell’apprendimento in ambito scolastico come quei disturbi che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali che possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana.

Rientrano tra i disturbi specifici dell’apprendimento i seguenti disturbi:

  • la dislessia che è un disturbo specifico che interessa la lettura e la scrittura e che si manifesta con difficoltà a pronunciare le parole, a leggere velocemente, a scrivere e a comprendere quello che viene letto;
  • la discalculia che è un disturbo specifico caratterizzato da ritardi nello sviluppo di molteplici funzioni di base, come la socializzazione e la comunicazione;
  • la disortografia che è un disturbo specifico della scrittura che non rispetta regole di trasformazione del linguaggio parlato in linguaggio scritto non imputabile alla mancanza di esperienza o a deficit motori o sensoriali;
  • la disgrafia che è un disturbo specifico della scrittura nella riproduzione di segni alfabetici e numerici, caratterizzata dalla difficoltà a riprodurre segni alfabetici e numerici che riguarda principalmente il grafismo.

Per colmare il gap per gli studenti che presentano uno o più disturbi dell’apprendimento, le istituzioni scolastiche consentono l’uso di strumenti compensativi, compresi i mezzi di apprendimento alternativi e l’utilizzo di tecnologie informatiche e sussidi che possono consentire agli studenti di seguire con maggiore facilità le lezioni e di studiare con una didattica individuale e personalizzata.

La legge di Bilancio 2018 consente ora di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 19% delle spese sostenute per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici, necessari all’apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere.

Le spese che si possono detrarre sono quelle sostenute in favore dei minori o di maggiorenni con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado.

Per poter detrarre le spese per gli studenti con disturbi dell’apprendimento è necessario un certificato medico che attesti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato ed il documento di spesa che attesti l’acquisto (ad esempio fattura).

Le spese per l’acquisto degli strumenti e dei sussidi tecnici e informatici devono essere sostenute a partire dall’anno di imposta in corso fino al 31 dicembre 2018 e potranno essere inserite pertanto solo nella dichiarazione dei redditi 2019.

Di tutte le spese indicate in dichiarazione dei redditi, il contribuente deve conservare la documentazione comprovante la spesa sostenuta e deve farlo per 4 esercizi oltre quello di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Come si applica in pratica l’agevolazione fiscale?
Giusto per fare un esempio, se un contribuente spende 340,00 euro per l’acquisto di sussidi per il figlio minorenne affetto da discalculia, la detrazione complessiva spettante in dichiarazione dei redditi ammonta a 64,60 euro che corrisponde appunto al 19% di 340,00 euro.

Le modalità attuative della disposizione per la fruizione della detrazione fiscale saranno definite con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018.

Antonino Salvaggio – Centro Studi CGN

Leggi anche:
SPECIALE: tutti i bonus e le detrazioni in Manovra
Dichiarazione dei redditi 2018: nuovi modelli e nuove scadenze

Detrazioni fiscali 730/2018 per studenti con disturbi dell’apprendimento
Detrazioni fiscali 730/2018 per studenti con disturbi dell’apprendim...