Bonus bebè 2018: le istruzioni Inps per l’assegno di natalità

Si tratta dell’agevolazione concessa a chi diventa genitore nel corso del 2018, che consiste in un contributo mensile erogato dall’INPS

L’Inps ha comunicato, tramite la circolare n. 50/2018, le istruzioni contabili in merito all’assegno di natalità per il 2018. Che, rispetto al recente passato, varrà solo per il primo anno di vita e non fino al terzo.

COSA CAMBIA – Se nella precedente formulazione il contributo aveva una copertura temporale più lunga, ora si cambia: l’agevolazione concessa a chi diventa genitore nel corso del 2018, che consiste in un contributo mensile erogato dall’INPS, per i nati da quest’anno non verrà erogato fino al 3° anno di vita ma solo fino al 1°anno del bimbo/a.

REQUISITI – La richiesta va inoltrata all’INPS dal 22 febbraio al 31 dicembre 2018, a patto di rientrare nei nuclei familiari con i requisiti previsti dalla norma, con particolare riferimento all’ISEE che non deve superare i 25mila euro, facendo riferimento l’ISEE minorenni del minore per il quale si richiede il contributo. Al momento in cui si presenta la domanda, oltre al valore ISEE, sono requisiti fondamentali:

  • residenza in Italia,
  • convivenza con il minore,
  • cittadinanza italiana o comunitaria (per i titoli di soggiorno utili in caso di cittadini extracomunitari si rinvia anche alla circolare n. 214/2016).

L’ASSEGNO – L’importo dell’assegno di natalità è pari a:

  • 960 euro (80 euro al mese per massimo 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE minorenni non sia superiore a 25.000 euro annui;
  • 1.920 euro (160 euro al mese per massimo 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE minorenni non sia superiore a 7.000 euro annui.

ISTRUZIONI – L’Inps precisa infine che restano valide le istruzioni fornite con le precedenti circolari in merito all’assegno di natalità:
Per l’istruttoria delle domande di assegno di natalità e per tutto quanto non espressamente specificato nella presente circolare si rinvia, oltre che alle disposizioni contenute nelle più volte richiamate circolari n. 93/2015 e n. 214/2016, al messaggio n. 4845/2015 (relativo al rilascio della procedura di gestione dell’assegno) e al messaggio n. 5145/2015 (contenente precisazioni). Si richiamano integralmente anche i messaggi n. 261/2017 e n. 1806/2017 contenenti, tra l’altro, le istruzioni per le domande sospese per mancanza/irregolarità del modello SR163 e la presenza di omissioni/difformità nell’attestazione ISEE, nonché i messaggi n. 4255/2016 e n. 4476/2017 sul rinnovo annuale della DSU.

Leggi anche:
SPECIALE: tutti i bonus e le detrazioni 2018

Bonus bebè 2018: le istruzioni Inps per l’assegno di natal...