In Svizzera il paesino di Gondo ritorna in vita grazie al Bitcoin

Gondo è un piccolo paesino in Svizzera che, dopo essere stato distrutto nel 2000, potrebbe rinascere grazie ai bitcoin

C’erano una volta le miniere d’oro, la ricchezza tangibile e i beni preziosi che potevano essere materialmente trasformati in denaro. E ci sono oggi i computer, gli algoritmi, le criptovalute: il web è diventato la miniera e i bitcoin hanno preso il posto dell’oro. A Gondo, paesino svizzero che si trova a poca distanza dal confine con l’Italia, le contraddizioni tra passato e presente si sono manifestate in tutta la loro forza: volete sapere come?

La natura ha una forza imponente che, quando si manifesta, colpisce e devasta territori cambiandoli di volto. E questo è successo a Gondo, piccolo villaggio in Svizzera che nel 2000 è stato colpito da una frana: questa ha spazzato via molti edifici e causato il decesso di numerose persone. Un duro colpo per Gondo e la sua economia: da allora, il paesino famoso per le miniere è diventato una cittadina fantasma. In tanti se ne sono andati, lasciandolo a quello che sembrava un triste – ma inevitabile – declino.

Nessuno aveva fatto però i conti con i pionieri del Bitcoin: negli ultimi anni, infatti, diversi informatici e imprenditori hanno iniziato a lavorare con le criptovalute. Un nuovo modo per intendere e risollevare l’economia, che punta a ridare vita a intere città non creando tradizionali posti di lavoro o investendo denaro, ma capendo come farle diventare un paradiso per i bitcoin. Ed è questo che sta tentando di fare la start up Alpine Mining: un gruppo di sei informatici si è stabilito a Gondo per il basso costo dell’energia ricavata dalle centrali elettriche. Lo scopo di questi ragazzi è decrittare – grazie a 150 computer collegati in rete – gli algoritmi che permettono la creazione di bitcoin.

Gondo non è la prima città che attira i pionieri del Bitcoin. Ci sono stati già in passato luoghi che – spesso colpiti da catastrofi naturali – hanno cercato d’attrarre investitori proponendo sgravi fiscali. Uno di questi è Porto Rico, candidata a divenire la prima criptocittà. Vedremo cosa accadrà a Gondo: la start up sta crescendo rapidamente e se non dovesse riuscire in fretta a decrittare gli algoritmi per la creazione di bitcoin ha già annunciato che cercherà di andare da qualche altra parte. Mettendo così fine alla nuova corsa all’oro di Gondo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

In Svizzera il paesino di Gondo ritorna in vita grazie al Bitcoin