Una città norvegese adotta una criptovaluta come moneta ufficiale

Nella comunità di Liberstad, i Bitcoin rappresentano la moneta ufficiale di scambio

Bitcoin come monete ufficiali per l’acquisto di ogni tipo di prodotto: è quello che sta accadendo nella città di Liberstad che sta effettuando il primo esperimento al mondo di metropoli autonoma.

Non sono tangibili (infatti non possiedono la consistenza delle monete tradizionali), ma negli ultimi anni sono stati interessati da un fenomeno in progressiva crescita, tanto da essere utilizzati nei più disparati settori. Sono loro, i Bitcoin, e fanno sempre più gola alla moltitudine di investitori che stanno puntando su questa criptovaluta. Nel Bel Paese ad esempio ci sono già bed & breakfast dove è possibile prenotare una camera pagando online tramite Bitcoin, ma anche i giocatori di alcune squadre di calcio ricevono i loro compensi in criptovalute.

Nonostante i rischi che ruotano intorno a questa moneta virtuale, al punto che è stato registrato un aumento dei virus per la produzione di Bitcoin, questa criptovaluta non perde il suo fascino e neppure l’interesse da parte di alcune città.

E ora, la comunità norvegese di Liberstad – fondata nel 2015 – ha deciso di trasformarsi in una città privata. Qui, l’unico mezzo di scambio accettato per effettuare qualsiasi tipo di acquisto è il City Coin, ovvero una moneta digitale che fa riferimento a City Chain. Quest’ultima altro non è che la piattaforma che permette di dare vita e di utilizzare servizi per le smart city.

Liberstad rientra in un progetto gestito da Liberstad Lift, un’associazione senza scopo di lucro che si è prefissata l’obiettivo di creare una città autonoma e lontana dalle autorità del Governo, dove l’intento sarebbe quello di vivere in una “società senza la coercizione del governo, il ricatto, la sorveglianza o la violenza non necessaria”.

Un manifesto di libertà dunque, in nome di un’autonomia che a tutti gli effetti è già in atto e in cui la City Coin fa da padrona. Non solo prodotti di prima necessità e di uso comune: la criptovaluta in questione sarà utilizzata anche per pagare gli stipendi a tutti i lavoratori e per vendere proprietà e lotti di terreni.

Nel 2017 infatti ne erano stati già venduti circa 100 a residenti intenzionati a trasferirsi nella comunità e il pagamento è stato effettuato proprio in Bitcoin.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Una città norvegese adotta una criptovaluta come moneta ufficial...