Il CEO di Ripple ha detto che Bitcoin farà la fine di Napster

Il CEO di Ripple ha predetto per Bitcoin un destino infausto, dicendo che farà la fine di Napster

Bitcoin? Potrebbe fare la fine di Napster. Parola di Brad Garlinghouse, CEO di Ripple e concorrente principale della criptovaluta.

Tutti ricordano Napster, il primo sistema peer to peer di condivisione di file che permetteva di ascoltare musica gratuitamente dal proprio computer. Una vera e propria rivoluzione digitale per gli appassionati, che ha permesso a milioni di ragazzi di salvaguardare il portafoglio condividendo file mp3 con altri utenti. Insomma, Napster era una vera e propria libreria musicale gratuita. Cosa che ha causato non pochi problemi alla piattaforma, denunciata per aver diffuso canzoni protette da copyright: i danni furono così ingenti che Napster dovette chiudere. Oggi esiste un sito con il suo stesso nome, ma perfettamente legale. Non c’entra nulla con quello di file sharing creato da Shawn Fanning e Sean Parker, oggi completamente scomparso.

Napster non è un progetto finito bene. Rivoluzionario all’inizio, è stato fagocitato e distrutto. E il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, ha paragonato – senza battere ciglio – Bitcoin a Napster. Un parallelismo per nulla felice dato che postula la fine della criptovaluta creata da Satoshi Nakamoto. «Potremmo scoprire che Bitcoin è un po’ la Napster dei digital assets – ha rivelato durante un’intervista – Si tratta di una tecnologia trasformativa, ma Spotify, iTunes e Pandora dominano il mercato perché si sono impegnate a risolvere i problemi con dei regolatori». Il CEO di Ripple ha anche criticato la lentezza di Bitcoin nell’effettuare transazioni finanziarie: un problema questo, che in effetti è sempre stato molto sentito dagli investitori.

Bitcoin è stata la prima criptovaluta immessa sul mercato finanziario. Creata nel 2009 in seguito alla crisi finanziaria, è diventata una merce di scambio molto preziosa: tanto che i primi ad aver creduto in questa moneta e ad averci investito, sono oggi tra le persone più ricche del mondo. Passato il momento d’entusiasmo, Bitcoin – e le altre valute nate negli anni successivi – si sono un po’ ridimensionate e non fruttano più come una volta (senza contare che sono diventate estremamente costose). Eppure, dopo periodo di bassa marea, hanno sempre picchi molti alti: ma che Bitcoin possa fare addirittura la fine di Napster, sembra un po’ esagerato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il CEO di Ripple ha detto che Bitcoin farà la fine di Napster