Guerre stellari tra Elon Musk e la Cina: le accuse al magnate di Tesla

La potenza orientale accusa l'imprenditore e i suoi satelliti SpaceX, che avrebbero messo a repentaglio la vita degli astronauti sinici

Si sposta nel cosmo la guerra tra gli Stati Uniti e la Cina, dopo la lunga vicenda dei dazi. Il Paese asiatico ha accusato gli Usa di ignorare gli obblighi scritti sui trattati internazionali e di aver avuto condotte irresponsabili e non sicure nello spazio dopo che per ben due volte la stazione spaziale cinese sarebbe stata sfiorata dai satelliti operati da SpaceX, la compagnia di Elon Musk.

Zhao Lijan, portavoce del Ministero degli Affari esteri sinico, ha sottolineato come la Cina pretenda ora una ammissione di responsabilità dopo gli incidenti che hanno coinvolto i satelliti Starlink, che avrebbero messo in pericolo la vita e la sicurezza degli astronauti.

Guerre stellari tra Stati Uniti e Cina: le accuse a SpaceX di Elon Musk

In una nota inviata alla Commissione delle Nazioni Unite sull’uso pacifico dello spazio extra-atmosferico, la Cina ha spiegato che Tiangong, la sua nuova stazione spaziale, ha dovuto compiere delle manovre straordinarie per evitare i satelliti di Elon Musk nei mesi di luglio e di ottobre.

Tiangong ha dovuto operare attraverso dei controlli preventivi per evitare collisioni durante due “incontri ravvicinati” con il sistema Starlink, con cui avrebbe incrociato le orbite.

Da Pechino viene chiarito che le manovre straordinarie hanno rappresentato un rischio per la vita e la salute degli astronauti a bordo della propria stazione spaziale. Per questo la richiesta del governo cinese è quella di diffondere questa notizia a tutti i Paesi che hanno siglato il Trattato sullo spazio extra-atmosferico.

Guerre stellari tra Elon Musk e la Cina: la richiesta del governo sinico

Starlink, una divisione della compagnia SpaceX di Elon Musk, ha lanciato in orbita più di 1.600 satelliti dopo aver ottenuto il permesso da parte delle autorità statunitensi di lanciarne 12 mila. Lo scopo del progetto è rendere internet accessibile in ogni parte del pianeta.

Nella nota diffusa dalla Cina si legge che gli stati che fanno parte del Trattato sullo spazio extra-atmosferico, 111 nazioni in tutto, sono da ritenersi responsabili a livello internazionale per le attività patrocinate, sia di tipo governativo che privato. Dunque quella sinica è informalmente una grave accusa agli Stati Uniti.

Guerre stellari tra le superpotenze: scontri sempre più frequenti in orbita

Le manovre evasive per ridurre i rischi di collisione non sono certo una novità nello spazio, e aumentano man mano che vengono lanciati nuovi oggetti spaziali dalla Terra. Tuttavia è inusuale il fatto che siano state segnalate attraverso un bollettino informale firmato da un Paese.

Tanto più se si tratta della Cina. I suoi detriti, derivati da test militari contro i satelliti, hanno infatti più volte rischiato di colpire addirittura la Stazione Spaziale Internazionale. Sono cinesi inoltre i più grandi rifiuti che ruotano attorno al nostro pianeta.

Non si tratta di niente di nuovo o imprevisto, dicevamo. Il mondo è entrato in una nuova era in cui gli stati provano a primeggiare grazie a nuove scoperte e ad avanzamenti tecnologici e scientifici, e lo spazio è diventato, già dalla Guerra Fredda, il terreno di scontro tra le grandi potenze.

Tra rifiuti spaziali, principalmente composti da parti di razzi e satelliti in disuso, e il lancio di sempre nuovi corpi metallici, anche grazie all’intervento di attori privati che collaborano con le varie nazioni, stiamo iniziando a occupare lo spazio che ci circonda la Terra.

La notizia tuttavia ha scatenato l’ilarità dei social cinesi e americani, e anche alcune proposte serie, come quella di sanzionare pesantemente i proprietari dei satelliti che rischiano di entrare in collisione con le stazioni spaziali.

Vi abbiamo parlato qui della cifra monstre che paga di tasse Elon Musk. Il ceo di Tesla e SpaceX, oltretutto, come annunciato qua, è stato nominato persona dell’anno 2021 dal Time. L’imprenditore ha suggerito di recente che potrebbe presto lasciare i suoi affari per diventare influencer, qui vi spieghiamo il perché.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Guerre stellari tra Elon Musk e la Cina: le accuse al magnate di Tesla