Unity vola ad ali spiegate

Pollici in su per VSS Unity e il per il suo “cavaliere bianco”. La navetta spaziale VSS Unity – nota nell’ambiente come SpaceShip Two, veicolo realizzato dall’azienda americana del magnate Richard Branson, la Virgin Galactic – ha completato il suo primo volo libero, portando a casa un risultato chiave che oscura l’insuccesso dell’ottobre 2014. In quell’occasione infatti tutto era andato storto e la prima versione della SpaceShip Two – la VSS Entrerprise – si era schiantata al suolo nel corso del suo quarto volo di prova a causa di un guasto al sistema di feathering, ferendo il pilota e uccidendo il suo vice.Lo scorso 3 dicembre, alle 18.50 italiane, Unity è stata rilasciata ai confini dell’orbita, trasportata in quota sul “dorso” dello velivolo vettore White Knight 2 decollato dal Mojave Air Space Port in California. Cinquanta minuti più tardi il veicolo sub-orbitale targato Virgin Galactic ha abbandonato la nave madre, planando per poi atterrare, conformemente ai piani, alle 19.50.La SpaceShip Two rappresenta la versione commerciale della SpaceShip One ed è stata messa a punto per portare alla frontiera dello spazio – a circa 100 chilometri da terra, dove è possibile sperimentare l’esperienza di volo in microgravità – facoltosi passeggeri privati e carichi scientifici. Alla modica cifra di 250.000 dollari, sei turisti spaziali potranno godere della microgravità dai 4 ai 6 minuti e osservare la Terra da una prospettiva unica. Tra i primi a candidarsi, le star di Hollywood Leonardo di Caprio e Ashton Kutcher.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Unity vola ad ali spiegate